Cesena Lazio 2-1. L’aquila non vola in Romagna

La Lazio è stanca. Marchetti 7, Defrel 7.5
Enzo Luciani - 2 Febbraio 2015

LE PAGELLE DI CESENA LAZIO 2-1

LAZIO

MARCHETTI 7 – Smaltito i postumi dell’influenza difende alla grande la porta biancoceleste. Dopo un primo tempo da autentico spettatore, nella ripresa effettua le parate più importanti: prima un’uscita strepitosa su Defrel e poi il tuffo sulla punizione di Brienza. Non può far nulla sulla bomba di Defrel che sigla il vantaggio.

BASTA 6,5 – Ottima la prova del biondo terzino che se la deve vedere con Brienza sulla out di destra. Sempre puntuale nelle chiusure, ottimo nella ripartenze.

CANA 5 – Djuric è un osso duro e già nel primo tempo rischia di far gol. Nella ripresa crolla e al 56′ rischia il rosso su Defrel ma l’arbitro Peruzzo lo grazia. Poi è abbastanza colpevole su entrambi i goal subiti.

MAURICIO 5 – Barcollante. Nonostante la botta al costato, scende ugualmente in campo anche se in difficoltà durante tutto il match. Al 53′ sfiora addirittura il gol di testa. Al 78′ però crolla completando l’opera: infatti il suo intervento in chiusura su Defrel è goffo e di fatto spiana la strada al raddoppio del Cesena.

PEREIRINHA 5,5 – Schierato al posto dello squalificato Radu, tiene bene la fascia e a dispetto del rumeno, risulta essere anche più utile nelle azioni d’attacco. Purtroppo è sempre molto gracile. Esce per infortunio. Dal 64′ Cavanda 6 – Entrato a freddo per sostituire il compagno infortunato, ha un buon impatto sulla gara e non demerita. Se matura è un buon prospetto.

LEDESMA 5 – Per Cristian potrebbe essere la sua ultima partita con la Lazio. La differenza di passo con Biglia c’è tutta. Quasi mai nel vivo del gioco. Si vede che non è più utile a questa Lazio. Dal 58′ Keita 5 – Mai pungente non tocca una palla e non capiamo il perchè. Uno come lui dovrebbe mangiarsi gli avversari. Poco determinato.

Dar Ciriola

PAROLO 6 – Il più in forma del centrocampo laziale. Al 22′ una bomba da fuori scalda le mani a Leali. Ammonito per un calcione a Giorgi. È l’unico che corre come un diavolo a quattro. Stakanovista.

(foto Calbucci)

(foto Calbucci)

CATALDI 5 – Vicino al goal al 27′ ma il suo sinistro a giro è troppo centrale. Non la sua miglior partita. Sfortunato sull’autogoal che chiude il match.

CANDREVA 5 – Qualche occasione dalla distanza nel primo tempo. Cala nella ripresa con i suoi soliti egoismi. Scontati e banali.

KLOSE 6 – Un bellissimo goal che ridà speranze ai biancocelesti. Comunque, tolta la rete siglata, soffre per tutto l’arco del match anche perché dal centrocampo non arriva una palla decente.

Klose Cesena Lazio

MAURI 5,5 – Nella prima mezz’ora serve due assist: uno per Candreva e l’altro per Cataldi. Ma nella ripresa subisce un calo drastico. Stanco. Dal 80′ Perea 6 – Nell’azione del goal laziale c’è il suo zampino. La sua fisicità sarà utile a mister Pioli.

ALL. PIOLI 5,5 – Scelte obbligate per il tecnico che ha ben poche carte da giocare. Ottima la gestione delle sostituzioni. Forse, un po’ troppo audacemente, Ledesma non andava nemmeno schierato dall’inizio. La sua Lazio era semplicemente troppo stanca e falcidiata dall’assenze di ben 7 titolari (De Vrij, Gentiletti, Radu, Biglia, Lulic, Felipe Anderson, Djordjevic). Ora servirà un po’ di riposo per continuare il cammino europeo.

(foto Calbucci)

(foto Calbucci)

CESENA

Leali 6;
Perico 6,5, Capelli 6,5, Krajnc 6,5 Renzetti 6,5;
Brienza 6,5, De Feudis 6, Giorgi 6 (dal 80′ Cazzola);
Djuric 6,5 (Dal 69′ Rodriguez), Defrel 7,5, Pulzetti 6,5 (dal 85′ Cascione).

All. Di Carlo 7.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti