Chiedevano soldi per eliminare debiti con l’Agenzia delle Entrate

Due impiegati adescavano clienti scovando tra le loro situazioni debitorie verso l'Agenzia
di M.G. T. - 12 Febbraio 2013

Ti serve aiuto per estinguere un debito con l’Agenzia delle Entrate? Dai i soldi a noi e cancelliamo tutto. A pronunciare queste parole non sono il gatto e la volpe, bensì due dipendenti degli uffici dell’Agenzia delle Entrate colti con le mani nel sacco dalla Questura di Frosinone che, in collaborazione con la squadra mobile di Roma, ha eseguito ben 15 ordinanze di custodia cautelare ai danni di sedicenti collaboratori dei due truffatori che operavano sul territorio di Roma, Valmontone, Perugia, Spoleto, Fara Sabina, Frosinone, Teramo, Frascati e Zagarolo. Tra i 15 arrestati, quattro sono finiti in carcere mentre a 11 sono stati concessi gli arresti domiciliari.

Al comando dell’organizzazione criminale un’impiegato alla Direzione Regione Lazio Roma IV dell’agenzia ed il suo collaboratore che muniti di una lunga lista di "procacciatori", tra cui commercialisti e ragionieri, contattavano le persone con pesanti pendenze debitorie e proponevano la loro soluzione per la cancellazione della cartella esattoriale dietro il pagamento di una somma di denaro, che ammontava al 20% dei loro debiti.

Quando scattava il pagamento del malcapitato, il funzionario fingeva di cancellare la cartella esattoriale stampando una falsa ricevuta con su scritte diverse motivazioni, la più gettonata era "errore sui dati inseriti". Purtroppo la situazione del cliente rimaneva invariata, mentre i due truffatori si arricchivano e preparavano la loro fuga in Calabria. I poliziotti della III sezione della Mobile di Frosinone, hanno accertato i reati contro la Pubblica Amministrazione e hanno incastrato l’organizzazione.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti