Cirillo e Metodio: il loro cammino tra i cammini delle Vie Francigene

Firmato il Memorandum presso l’Ambasciata della Repubblica Ceca
Olga Di Cagno - 7 Giugno 2022

Firmato il 6 giugno 2022, presso l’Ambasciata della Repubblica Ceca in Italia alla presenza dell’Ambasciatore S. E. Hana Hubáčková e l’assessore alle Politiche della Mobilità del Comune di Roma Capitale  Eugenio Patané il memorandum tra l’Associazione Europea Vie Francigene e il Cammino dei Santi Cirillo e Metodio.

I camminatori sanno bene che lungo la strada, quando la fatica prende alle gambe ed il fiato si fa corto, tutto appare più stancante; vero, ma i camminatori sanno altrettanto bene che quando si incontra un sorriso in quella difficoltà parte della stanchezza viene cancellata dalle gambe e dal cuore.

Avere compagni di viaggio significa anche avere sorrisi che ci accompagnano nel percorso.

Ieri, presso l’Ambasciata della Repubblica Ceca un gruppo apparentemente eterogeneo di camminatori si è riunito per siglare un accordo di viaggio  così da permettere ad altri camminatori,  ad altri viandanti, ad altri pellegrini di iniziare il loro viaggio lungo strade antiche e moderne che ieri come oggi ma soprattutto nel futuro contribuiranno a permettere alle persone di incontrarsi e di conoscersi.

Cirillo e Metodio, compatroni di Europa,  riconosciuti e ricordati come santi sia dai cattolici sia dagli ortodossi, particolarmente cari alle popolazioni di origine slava grazie all’accordo, al memorandum siglato ieri potranno essere meglio conosciuti anche dai tanti pellegrini e viandanti che vorranno mettersi in cammino lungo il loro itinerario.

Massimo Tedeschi, presidente dell’Associazione Vie Francigene, visibilmente contento di questo nuovo inizio di collaborazione  nel suo discorso ha sinceramente augurato una più stretta e proficua collaborazione tra l’associazione da lui presieduta e il Cammino di Cirillo e Metodio per permettere sempre di più la realizzazione di una grande rete di pellegrinaggi transeuropea.

I rappresentanti della delegazione della Repubblica Ceca, anche loro orgogliosamente soddisfatti di questo accorso hanno tenuto a confermare la loro piena collaborazione con AEVF (Associazione Europea Vie Francigene) ricordando come siano già stati realizzati  più di 1.000 km di sentieri segnalati utilizzando i percorsi dei club escursionistici cechi e slovacchi.

Tutte le strade portano a Roma, si dice, ma anche partono da Roma: luogo di incontro tra popoli e civiltà, momento di arrivo e punto di partenza,  città identificata, fin dalle sue origini come elemento propulsore di innovazioni politiche e culturali.

Dar Ciriola

Non a caso l’assessore alle Politiche della Mobilità del Comune di Roma Capitale  Eugenio Patané ha voluto ribadire il ruolo di Roma: luogo di scambio fisico dei diversi tracciati ma anche spazio culturale di interconnessione tra i differenti tracciati  che vengono precorsi. Riportando i saluti del sindaco Gualtieri ha espresso la forte volontà d parte della giunta capitolina di piena collaborazione  per l’attuazione del memorandum firmato anche in sua presenza.

Roma, con le sue bellezze e la sua storia ancora una volta ha assolto al suo compito: accogliere, riunire, definire i rapporti tra luoghi e persone solo apparentemente lontani; ma Roma, lo sappiamo bene, non è solo il cosiddetto centro storico e ieri quasi sottovoce da parte della scrivente è stata velocemente, molto velocemente, narrata la bellezza e la storia che si può godere anche nella cosiddetta periferia, anche qui nel Municipio V; d’altronde Roma  è sempre Roma!


Commenti

  Commenti: 1


  1. Sono del tutto d’accordo con la scrivente: la nascita di Roma segna una svolta storica nella Storia dell’Uomo sulla terra. È la cultura greco-romana che dà origine alla cultura che oggi chiamiamo occidentale. Proprio per questo ogni uomo di questo mondo, a seconda dei sentimenti che nutre nel suo cuore, potrà amare od odiare, ma non potrà mai ignorare ROMA!

Commenti