Colli Aniene, camuffati da operai tentano di introdursi in appartamento

Tre persone arrestate
Enzo Luciani - 29 Giugno 2012

“Camuffati” da operai, si sono introdotti in un condominio di via Cingolani, nel quartiere di Colli Aniene. I tre, individuato un appartamento “idoneo”, si sono subito messi al lavoro sulla serratura, tentando di forzare la porta.Ggaba Aleko, 35enne, Sharvashidze Fridon 37enne, e Khechinashvili Gocha, 39enne, tutti di nazionalità georgiana, sono stati sorpresi e arrestati per il reato di tentata rapina in concorso, dagli agenti dei Commissariati San Basilio e Fidene.

Nella tarda mattinata di ieri 28 giugno, alcuni condomini hanno chiamato il 113, segnalando la presenza di estranei all’interno del palazzo. Inviate dalla Sala Operativa, sul posto sono arrivate le pattuglie dei due Commisariati, che avendo notato il portone dello stabile aperto, si sono suddivisi i “compiti”.Mentre i poliziotti del Commissariato San Basilio, sono entrati nel palazzo per controllare le scale, i colleghi del Commissariato di Fidene, sono rimasti in strada per bloccare le possibili vie di fuga.

Arrivati al quarto piano, i poliziotti hanno sorpreso due persone che, munite di cacciavite, stavano forzando la serratura di una porta.Il terzo uomo, Khechinashvili che avrebbe dovuto fare da “palo” in prossimità della rampa, non ha fatto in tempo ad avvisare i complici ed è corso via salendo per le scale.Gli altri due georgiani, ormai in trappola, hanno spintonato i poliziotti nel tentativo di scappare, ma sono stati bloccati.

Anche gli agenti del Commissariato di Fidene, sentito il trambusto, sono intervenuti bloccando il 39enne all’ultimo piano. Davanti alla porta scassinata, i poliziotti hanno sequestrato un grosso borsone con un kit completo di attrezzi da scasso, composto da 2 chiavi inglesi, cacciaviti di varie lunghezze, ghiere di acciaio, coltelli e persino una pinzetta per le sopracciglia.Un grosso cacciavite è stato anche trovato nelle tasche di uno dei tre.I poliziotti hanno accertato che all’interno dell’appartamento vi era la proprietaria. Accompagnati negli uffici del Commissariato San Basilio per ulteriori accertamenti, è emerso che a carico di Ggaba Aleko e Sharvashidze Fridon, è in atto l’obbligo della presentazione alla polizia giudiziaria. Per Ggaba Aleko, Sharvashidze Fridon e Khechinashvili Gocha, sono quindi scattate le manette


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti