Colli Aniene. Scuole materne e asili nido alla mercé dei ladri 

La materna Mary Poppins di via Massini violata per la quarta volta in un mese. Ieri i "soliti ignoti" hanno visitato l’asilo il “Nostro Girotondo” di via Ernesto Rossi
Antonio Barcella - 3 Aprile 2019

Approfittando di un guasto al sistema di allarme la scuola materna Mary Poppins di via Massini è stata violata per la quarta volta in un mese. Il bottino dei ladri si limiterebbe a qualche macchina fotografica, con cui le maestre riprendono i bambini, e a poco altro.

Ma il danno più grande è quello che generalmente in questi casi porta alla chiusura conseguente dell’edificio scolastico provocando problemi ai genitori dei bambini che sono costretti a trovare una soluzione alternativa o a disertare la presenza in ufficio. C’è poi la questione sanitaria perché non sappiamo se queste “presenze oscure” siano portatori o meno di qualche malattia trasmissibile e quindi è doveroso sanificare i locali prima di farvi entrare i bambini.

Una questione di sicurezza pubblica in questo quartiere che si trascina da anni e non riesce a trovare una soluzione adeguata anche per gli scarsi controlli del territorio dovuti ai motivi più vari. Probabilmente non basta una volante che gira di notte e copre tutto il IV Municipio. Occorrono deterrenti di ogni tipo come sistemi di allarme funzionanti, telecamere, sbarre alle finestre e una capillare sorveglianza dei quartieri.

Questa notte anche l’asilo il “Nostro Girotondo” di via Ernesto Rossi ha subito la visita dei “soliti ignoti” come è accaduto ripetutamente alla materna Sommovigo qualche tempo fa.

Per completare l’informazione vi rendiamo noto il messaggio di un genitore che riporta i fatti accaduti:

 

“Spettabile redazione, gent.mo Sig. Barcella,
Mi chiamo Marco C., le scrivo per mettervi a conoscenza di alcuni spiacevoli avvenimenti che stanno accadendo presso la scuola dell’infanzia Mary Poppins di via Massini.

Nell’ultimo mese, per ben 4 volte (8 e 26 Marzo, 1 e 3 Aprile), la scuola è stata “visitata” dai ladri, causando ogni volta l’interruzione temporanea o completa del servizio per il ripristino degli ambienti e il conseguente disagio per le famiglie e i bimbi.
Nel corso delle 4 effrazioni sono stati derubati soldi, cibo e, nell’ultimo avvenimento di questa notte, macchine fotografiche e dati sensibili appartenenti ai bimbi e alle loro famiglie e parenti.

Come genitori e consiglio di scuola abbiamo più volte allertato gli uffici di competenza del IV municipio per portarli a conoscenza dei fatti e per sollecitare il ripristino dell’impianto di sorveglianza ormai guasto da anni, del cancello d’ingresso e della rete di recinzione danneggiati. Ovviamente non abbiamo ricevuto nessuna risposta.

Come più volte da voi già segnalato, anche all’interno del vostro Dossier “Apprendere in sicurezza”, la nostra scuola, come molte altre del quartiere, non è nuova a fatti del genere, ma nulla è stato fatto nel corso del tempo.

Spero possiate dare risalto ai fatti accaduti all’interno del vostro giornale e che si possa in qualche modo sensibilizzare il municipio ad intervenire.
Sicuro di un vostro interessamento, porgo i mie distinti saluti,

Marco C.”

 

Antonio Barcella


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti