Colli Aniene: strade disastrate, buche pericolose e scavi dimenticati 

Antonio Barcella - 22 Dicembre 2020

Buche, voragini, asfalto ammalorato sono solo alcune delle trappole che ogni giorno gli automobilisti di Colli Aniene debbono affrontare sperando di riportare il veicolo a casa ancora intatto. Ora, a causa dei numerosi cantieri abbiamo anche, l’asfalto a pezze.

La situazione delle strade e dei marciapiedi di questo quartiere va avanti da almeno un decennio senza che siano stati fatti interventi di manutenzione efficaci e costanti. Il maltempo non fa altro che rendere peggiore quello che è già insidioso aumentando di giorno in giorno i problemi di sicurezza.

L’andirivieni delle autocisterne dirette al Depuratore Roma Est hanno un impatto negativo sulla superficie asfaltata senza che nessuno si senta in dovere di ripristinare l’usura quotidiana delle strade. L’asfalto di viale Franceschini, sul lato opposto della chiesa, si disgrega al minimo passaggio dei veicoli sollevando brecciolino che va a colpire le automobili in sosta.

A tutto questo si somma l’imperizia di alcuni cantieri che anziché apportare un beneficio al territorio ne peggiorano la vivibilità come nel caso segnalato da un lettore al sito collianiene.org:

“Una profonda, vasta buca all’inizio di Via Urbano Cioccetti, lato Viale Palmiro Togliatti, rappresenta un serio pericolo soprattutto per gli automobilisti. Questa estate c’erano degli operai con una ruspa a frantumare il selciato e a scavare. Poi sono spariti. Hanno scavato forse per errore? Certo è che devono essersi dimenticati di rimettere la terra e riasfaltare. Ma possibile che sino ad oggi non si sia trovato a passare da quelle parti un vigile urbano? Purtroppo è possibile, giacché da quando la sede dei vigili, dalla vicina via del Badile è stata spostata in via Fiorentini, vedere un vigile a Colli Aniene è cosa rarissima. Carmelo D.”

 

Antonio Barcella


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti