Complanari A24 incontro inconcludente con il presidente del Quinto

I cittadini chiedono di fare chiarezza sul progetto e sull’impatto che la realizzazione della tratta urbana avrà su Colli Aniene
di Federico Carabetta - 22 Giugno 2011

L’incontro tenutosi in V municipio il 17 giugno 2011, un’occasione che avrebbe dovuto dissipare ombre inquietanti su un argomento che toglie il sonno ai numerosi abitanti di almeno quattro strade del popoloso quartiere di Colli Aniene, ha al contrario ingenerato dubbi ed equivoci.

In via U. Calosso, E. Orano, A Sommovigo e O. Guardati, queste sono le strade principalmente interessate ad un’opera che non può che alterare se non addirittura sconvolgere la vita e la sua qualità, varie centinaia di persone attendono ancora e con ansietà di sapere quale sarà l’invasività spaziale, acustica ed inquinante derivante dalla costruzione delle strade complanari al tratto urbano dell’autostrada A24 Roma-Pescara-Teramo.   A fatti incomprensibili ormai siamo abituati, perciò non meraviglia che ad un incontro così importante – perché riguardante la qualità della vita di forse un migliaio di persone (peraltro già fortemente penalizzate da un’autostrada a poche centinaia di metri dalle loro finestre) – sia stata convocata una rappresentanza di cittadini così poco significativa.   Di più, il comunicato diramato il giorno stesso dal presidente del V municipio Caradonna, che avrebbe dovuto informare non solo i cittadini delle strade sopra elencate ma tutti gli abitanti del quartiere, è ritenuto tale da rendere noto in buona sostanza … nulla o quasi.   Perché la fonte principe infatti, quella che dovrebbe essere la più attendibile e alla quale i cittadini dovrebbero riferirsi, della chiarezza sul progetto delle complanari A24 e sull’impatto che la realizzazione della tratta urbana del progetto avrà sul quartiere Colli Aniene , ne fa ben poca con frasi generiche, autocelebrative e di circostanza.   Veramente apprezzabile di tutto l’evento sono innanzitutto il buon rapporto che il rinnovato Comitato di quartiere con il suo presidente Lino Di Rubbo va instaurando con le istituzioni e la presenza all’incontro di due rappresentanti della Società Strada dei Parchi, ingg. Marco Rocchi e Igino Lai.   Purtroppo però le notizie che tanti cittadini si aspettavano dal municipio, fino a questo momento non si sono ricevute. Perciò lessi hanno continuato a temere che le complanari possano finire letteralmente sotto le loro finestre e che di conseguenza, lungo tutto il loro tratto, l’impatto acustico e l’inquinamento possa salire alle stelle.   A questo punto ci siamo rivolti all’altra fonte canonica disponibile sul territorio ed abbiamo intervistato Vincenzo Barsanti. Il vice presidente del Cdq che come gli altri componenti attualmente è occupatissimo su un altro fronte, quello della qualità dell’aria di un altro ampio settore di Colli Aniene che soffre per la puzzolente presenza del depuratore ACEA e per i fumi cancerogeni che continuano a levarsi da via della Martora, via Severini e via del Flauto.   Barsanti, con la cortesia che gli è propria ci ha detto:”I rappresentanti della Società Strade dei Parchi assicurano che il progetto che si concretizzerà, manterrà le condizioni pattuite nel 2006 con le associazioni territoriali e che le complanari non avanzeranno di un solo centimetro verso i fabbricati di Colli Aniene”.   Dalla topografia che ci sottopone ci fa osservare pure che le complanari termineranno all’altezza di Tor Cervara per poi immettersi sulla sede attuale della A24 di cui formerà la terza corsia esterna inglobando la corsia di emergenza. Data prevista per la fine dei lavori: giugno 2014.   In merito alle barriere acustiche, quelle esistenti non verranno sostituite; di nuove e più attuali ne saranno posizionate nei tratti ancora sprovvisti tranne che sulle rampe di ingresso ed uscita. “Il CdQ però – ci ha detto – ha richiesto di proteggere anche questi tratti con analoghi acorgimenti e di far domanda all’ARPA perché con una centralina di monitoraggio posta all’incrocio tra la A24 e viale Palmiro Togliatti, controlli la qualità dell’aria. Infine il Dr. Lai ha rappresentato che Strada dei Parchi è impegnate a sulla realizzazione dell’infrastruttura ma che queste strade vanno una volta terminate e consegnate alle istituzioni devono avere la manutenzione appropriata”. 

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti