Con “Cibo a costo zero” aiuta anche tu a regalare un sorriso

Redazione - 18 Maggio 2020

Ci sono degli incontri speciali che toccano il cuore. Quello di oggi 18 maggio 2020 è stato uno di questi e sono grato all’amico farmacista Stefano Federico che mi ha fatto conoscere i volontari dell’associazione “Cibo a costo zero” presso il loro Centro a Tor Tre Teste in via Prenestina 736 dov’è il loro centro di raccolta e punto di riferimento.

Ho incontrato il presidente Andrea Pavone impegnato con alcuni suoi associati a sistemare i pacchi nel locale, attiguo allo storico bar Giolli, dove sono sistemate gli alimenti (pasta, sugo, scatolame, frutta, verdura, latte, zucchero, olio, sale, ecc.) che andranno a dare un sollievo alle famiglie in difficoltà economica, purtroppo in aumento.

Ogni giorno partono da qui circa 25 pacchi che contengono la spesa settimanale per altrettante famiglie povere o divenute tali a causa della crisi.

L’associazione è nata ed opera da 2016 e si avvale dell’apporto di una trentina di persone, che si sono tassate per dare avvio all’opera benefica ed ha stretto rapporti con aziende grandi e piccole che operano nel settore alimentare e che effettuano donazioni.

Accanto a queste non mancano donazioni di sostenitori dell’iniziativa.

E’ possibile contattare Cibo a costo zero sulla pagina facebook dell’associazione. La distribuzione dei pacchi avviene su richiesta e… sulla piena fiducia. Contando sulla buona fede e sul controllo sociale. E mantenendo l’assoluto riserbo sui beneficiari.

L’associazione si batte ovviamente per limitare gli sprechi alimentari e per distribuire le eccedenze.

“Aiutaci anche tu a regalare un sorriso” è lo slogan e l’invito dei soci di “Cibo a costo zero”. Come fare? Basta una piccola donazione così come qui sotto indicato.

 

Ricordiamoci che solidarietà è un’onda positiva. Vuol dire dare una mano a chi oggi è in difficoltà come con tutta probabilità ci è successo quando siamo stati noi in difficoltà o potrebbe (Dio non voglia) succedere un domani.

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti