Concerto della corale Centonote a S. Tommaso d’Aquino a Tor Tre Teste

A conclusione del ciclo di concerti del progetto “Chiese aperte alla musica”
Enzo Luciani - 3 Gennaio 2013

Con il concerto del 28 dicembre 2012, presso la chiesa di S. Tommaso d’Aquino a Tor Tre Teste si è concluso il ciclo di concerti del progetto “Chiese aperte alla musica” giunto ormai al suo sesto anno che vede collaborare la Corale Centonote con il Municipio VII di ROMA CAPITALE.

La partecipazione di pubblico ed il crescente successo della manifestazioni musicali hanno infatti incoraggiato la riproposizione di tale progetto teso a divulgare e promozionare la cultura musicale nelle chiese del territorio del Municipio VII.

E’ stato l’ultimo esempio di questo successo: in una chiesa piena in ogni ordine di posti (erano presenti moltissimi ragazzi della comunità di Taizè qui a Roma per l’incontro internazionele) si è esibito dapprima il Quintetto d’archi IRIS che ha eseguito alcuni brani del suo repertorio: dall’Aria sulla 4 corda di Bach alla Vergine degli angeli dalla Forza del destino di Verdi, dalla Cavalleria rusticana di Mascagni al concerto dell’Inverno di Vivaldi.

A seguire la Corale Centonote, diretta dal maestro Rino Andolfi, ha cantato – accompagnata dal Quintetto d’archi – classici natalizi quali White Christmas, Tu scendi dalle stelle, Stille nacht ed altri della tradizione natalizia internazionale.

Dopo l’esecuzione di alcuni spiritual eseguiti nello stile a cappella la Corale si è quindi esibita accompagnata dalla band GasCànGifAn di recente costituzione nell’esecuzione di alcuni gospel gioiosi e coinvolgenti.

Standing ovation e richieste di bis finali hanno caratterizzato la fine del concerto. Parole di grande soddisfazione negli interventi dell’assessore alla cultura del VII municipio Leonardo Galli e del parroco Don Andrea. Con l’auspicio che il progetto “Chiese aperte alla musica” possa proseguire nei prossimi anni la sua opera di diffusione e divulgazione della musica corale nelle periferie romane. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti