Controllati i negozi cinesi all’Esquilino

Corsi(Pdl): "auspico verifiche anche a Tor Pignattara e al Pigneto"
Enzo Luciani - 26 Ottobre 2012
La Polizia Municipale e l’Ufficio Frodi della agenzia delle dogane hanno ispezionato decine di negozi nella China town dell’Esquilino. Il blitz ha portato a decine di denunce per vendita di prodotti contenenti sostanze nocive e contraffazioni di false griffe e vendita di generi alimentari scaduti, adulterati o conservati in malo modo.   "Auspico che lo stesso tipo di intervento venga effettuato al più presto nel quartiere di Torpignattara e del Pigneto – dichiara in una nota il capogruppo PDL del VI Municipio Francesco Corsi.   Ormai Torpignattara è divenuta nel tempo il regno dell’anarchia commerciale senza adeguati controlli di ogni tipo di attività dai generi alimentari alla pelletteria , ad opifici semiclandestini dove si lavora a ritmi serrati ed in regime di semi schiavitù ai Money transfert legali e non, alle moschee tollerate  nei garage e negli scantinati, per non parlare degli affitti in nero ai clandestini stipati in bugigattoli e topaie senza alcuna condizione igienica.   Ormai siamo all’assurdo ed assistiamo nelle notti d’estate a decine di persone che si rifugiano e dormono sulle terrazze dei condomini, lo spaccio di sostanze stupefacenti è all’ordine del giorno in Piazza della Marranella e nell’isola pedonale del Pigneto .   I cittadini romani sono stanchi di questa situazione e chiedono un ritorno alle regole e alla legalità anche a Torpignattara e al Pigneto. ,,    

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti