Controlli polizia, identificate trentuno prostitute rumene

Una di loro in stato di gravidanza avanzata
Enzo Luciani - 25 Settembre 2009

I controllo effettuati dagli agenti della Polizia di Stato, ieri 24 settembre, nell’ambito del Patto per Roma Sicura, hanno portato all’identificazione di trentuno prostitute, tutte rumene, lungo la , via Salaria, via Cristoforo Colombo, via Tiburtina, via Flaminia e via Aurelia.18 di loro sono state accompagnate presso l’Ufficio Immigrazione per i doverosi adempimenti e 5 sono state multate.

In una analoga operazione svolta lo scorso 22 settembre, a 10 prostitute rumene e ad 1 ceca è stato notificato il decreto d’allontanamento dal territorio nazionale, 4 prostitute rumene sono state rilasciate perchè in stato di gravidanza, 4 minori rumene sono state affidate ad un centro per minori, 1 nigeriana ed 1 sudanese sono state espulse.

“Desidero ringraziare gli agenti della Polizia di Stato – dichiara l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Roma, Sveva Belviso – sono riusciti a far venire alla luce il dramma della donna che si prostituiva nonostante la gravidanza avanzata. Una situazione raccapricciante, rispetto alla quale mi auguro si faccia chiarezza al più presto, per capire se la donna sia vittima o meno di tratta sessuale. Ricordo che nella nostra città è attivo il progetto Roxanne, rivolto proprio alle donne vittime di sfruttamento sessuale, che ogni anno accoglie e dà un aiuto concreto alle persone costrette ad una vita di violenza e di soprusi. Creare le condizioni per aiutare le donne a liberarsi dalla paura che spesso causa il perpetrarsi della violenza e dare loro un adeguato supporto sociale e psicologico, significa aiutarle ad essere più consapevoli di se stesse e dei propri diritti”.
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti