Covid-19, Ama: 330mila igienizzazioni dentro cassonetti

All’opera 51 nuovi compattatori
Redazione - 6 Maggio 2020

Operazione cassonetti puliti nella Capitale. Sono infatti già circa 330mila gli interventi di trattamento igienizzante della “vasca” interna degli oltre 52mila cassonetti presenti sulle strade di Roma assicurati dai mezzi Ama, con almeno 5 passaggi di sanificazione già effettuati su ogni singolo contenitore.

Dall’inizio del servizio, sono stati garantiti complessivamente circa 3.500 giri di igienizzazione interna: più di 100 al giorno, con oltre 9mila cassonetti sanificati quotidianamente mediante sostanze a base di enzimi naturali “abbatti-odori”.

Lo comunica in una nota Ama S.p.A.

“Le operazioni mirate di igienizzazione – informa l’azienda – scattate d’intesa con il Campidoglio alla metà di marzo, in pieno lockdown a causa del virus Covid-19, vedono all’opera tutti i giorni, a ciclo continuo, mezzi compattatori dotati di dispositivi idonei per abbattere gli odori. Vengono trattati in maniera prioritaria i contenitori stradali per gli scarti alimentari e organici e quelli per i materiali non riciclabili, ma gli interventi sono assicurati anche sulle altre due tipologie di cassonetto a vasca: per carta/cartone/cartoncino e per il multi-materiale leggero (contenitori in plastica e metallo).

“Il servizio – prosegue la nota – viene svolto in tutti e 15 i municipi dagli stessi mezzi addetti allo svuotamento dei cassonetti stradali su itinerari prestabiliti nei 4 turni di raccolta previsti: mattina, pomeriggio, semi-notte, notte. I mezzi dotati dei dispositivi sanificanti, infatti, dopo aver svuotato i cassonetti immettono nella “vasca” interna degli stessi il prodotto, in polvere o in liquido, igienizzante. In particolare, vengono utilizzati i 51 nuovi e di ultima generazione autocompattatori “side loader” a tre assi a caricamento laterale, che da dicembre 2019 sono entrati progressivamente in servizio su tutto il territorio comunale avviando così il rinnovamento della flotta aziendale.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti