Dalla Provincia 60 milioni per gli edifici scolastici, passaggi a livello e fotovoltaico

Approvata la delibera per la 'Terza variante alle Opere pubbliche 2009-11'. Chieste le dimissioni di Zingaretti: "senza il Pdl sarebbe mancato il numero legale in consiglio"
Enzo Luciani - 27 Luglio 2009

Il 27 luglio è stata approvata la delibera per la ‘Terza variante alle Opere pubbliche 2009-11’ da parte del consiglio della Provincia di Roma.
"E’ la dimostrazione concreta – dichiara il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti – della volontà dell’amministrazione di Palazzo Valentini di proseguire un lavoro specifico in alcuni di quei settori che riteniamo strategici per lo sviluppo e la crescita del territorio provinciale".

La delibera prevede lo stanziamento totale di circa 60 milioni di euro: 30 milioni di euro per l’edilizia scolastica con finanziamenti da parte della Regione Lazio, 3 milioni e mezzo circa per l’eliminazione dei passaggi a livello e 24 milioni di euro da destinare ad impianti fotovoltaici negli edifici scolastici della provincia di Roma.

"E’ una delibera che ha grande importanza – commenta l’assessore provinciale al Bilancio, Antonio Rosati – perché impegna risorse pubbliche in un momento di grande crisi. E’ necessario dare atto alla sensibilita’ di tutto il Consiglio provinciale, all’eccellente lavoro della maggioranza e prendiamo atto con soddisfazione dell’atteggiamento positivo e costruttivo dell’opposizione che ha garantito un voto proficuo e sereno".

"Trenta milioni di euro – aggiunge Paola Rita Stella, assessore provinciale alle Politiche della Scuola – ci permetteranno di intervenire su un numero consistente di istituti e di provvedere a migliorare gli standard degli edifici di nostra competenza. Gli interventi saranno realizzati in 57 scuole in 15 Comuni: Roma, Colleferro, Civitavecchia, Ladispoli, Bracciano, Velletri, Monterotondo, Genzano, Nettuno, Subiaco, Olevano Romano, Tivoli, Guidonia, Pomezia e Albano".

Daltro canto c’è chi invoca addirittura le dimissioni di Zingaretti perché “La Giunta Zingaretti, nell’annunciare in pompa magna, la variazione di bilancio da 60 milioni per investimenti, dimentica di dire che questo si deve solo ed esclusivamente al comportamento responsabile del Popolo della Libertà – dichiara il consigliere provinciale del Popolo della libertà, Federico Iadicicco – perché in aula mancavano molti consiglieri della maggioranza e, cosa ancor più grave alcuni assessori competenti. Solo grazie alla nostra presenza si è garantito il numero legale sia per aprire il consiglio sia per votare la delibera. Evidentemente le questioni interne al Pd, le dilanianti contrapposizioni precongressuali, prevalgono rispetto all’interesse dei cittadini, in particolar modo rispetto alla sicurezza delle nostre scuole”. Iadicicco ha poi concluso: “Abbiamo scelto la linea della responsabilità perché finalmente, dopo mesi di chiacchiere e proclami, sono arrivati i primi veri investimenti per garantire la sicurezza nei nostri edifici scolastici. Zingaretti non ha più la sua maggioranza, ne prenda atto e si dimetta”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti