Dalle donazioni alla Diocesi di Roma oltre 78mila euro per gli ospedali

40mila euro all’ospedale Madre Giuseppina Vannini e 25mila all’Istituto Spallanzani. E la raccolta continua
F. C. - 3 Aprile 2020

L’11 marzo 2020 la diocesi di Roma ha vissuto, su iniziativa del cardinale vicario Angelo De Donatis – attualmente ricoverato al Policlinico Universitario Fondazione Agostino Gemelli IRCCS per Covid-19 – una giornata di digiuno e preghiera per chiedere a Dio l’aiuto in questo tempo di pandemia, per la nostra città e per il mondo.

In quell’occasione è partita anche una raccolta fondi straordinaria «a sostegno delle strutture sanitarie e degli operatori che lavorano instancabilmente per prendersi cura dei malati di coronavirus», ricorda il vescovo delegato per la Pastorale sanitaria nella diocesi di Roma, monsignor Paolo Ricciardi.

«Fin dal primo giorno – sottolinea il presule – sono arrivate molte offerte da parte di parrocchie, comunità religiose, sacerdoti e laici». Al 27 marzo la cifra raccolta è stata di 78.830,95. Di questi, sono stati destinati 40.000 euro all’ospedale Madre Giuseppina Vannini delle Figlie di san Camillo per l’acquisto di due ventilatori polmonari; mentre 25.000 sono stati consegnati all’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani per l’acquisto di letti per emergenza Covid-19 in uso presso i reparti. «Ringraziamo tutti per la generosità mostrata in questo momento di emergenza», sottolinea il vescovo.

Fresco Market
Fresco Market

Si può ancora continuare a versare sul conto: iban: IT 25 E 05216 03229 0000 0009 2433; causale: “Offerta EMERGENZA CORONAVIRUS – Centro per la Pastorale sanitaria”. La cifra restante, più quanto sarà ancora raccolto, sarà devoluta a un’altra struttura sanitaria romana in situazione di emergenza.

 

F. C.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti