De Sanctis: “direttamente online, 17 tipi di certificati anagrafici differenti”

L'assessore capitolino: "Oltre all’ingresso in ANPR, dopo 30 anni, la nostra città può inoltre fruire di un nuovo sistema informatico per i servizi di Anagrafe e Stato Civile"
Comunicato stampa - 29 Aprile 2021

Riportiamo qui di seguito un post di ieri su Facebook di Antonio De Santis, Assessore capitolino alle Risorse Umane, Personale Scolastico e Servizi Anagrafici di Roma Capitale.

Alla fine dello scorso anno i servizi anagrafici di Roma Capitale sono stati oggetto di un profondo cambiamento grazie all’ingresso in ANPR (Anagrafe Nazionale Popolazione Residente), questo oggi consente a tutti i professionisti e ai cittadini in possesso di Spid, Cie o Cns di ottenere direttamente online, 17 tipi di certificati anagrafici differenti.
Questa mattina ho partecipato, insieme alla Sindaca Raggi, a una tavola rotonda organizzata dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma per spiegare questa novità e anche per condividere con il Presidente del C.O.A Antonino Galletti e i suoi ospiti questa progettualità che potrà essere ulteriormente arricchita nel prossimo futuro.
Gli investimenti del Recovery Plan, infatti, dovranno tenere in considerazione la sempre più massiccia digitalizzazione dei servizi, cosa che noi riteniamo strategica per l’amministrazione.
Oltre all’ingresso in ANPR, dopo 30 anni, la nostra città può inoltre fruire di un nuovo sistema informatico per i servizi di Anagrafe e Stato Civile.
Certo, modificare lo status quo non è mai semplice. Non lo è stato neanche in questo caso. Ogni cambiamento richiede tempi di adattamento e soprattutto la grande disponibilità da parte di chi quotidianamente lavora a contatto con i cittadini.
Tuttavia solo così è possibile rivolgere lo sguardo al futuro.
Per questo il mio ringraziamento va innanzitutto a tutti i dipendenti dell’anagrafe centrale e di tutti i municipi che sono stati partecipi di questa progettualità e che hanno affrontato le ovvie criticità dovute alla transizione ai nuovi sistemi.

Pubblicità elettorale Regionali 2023

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti