De Vito: “Lavori d’Aula e revoca Stadio Tor Di Valle, gravi affermazione della Sindaca”

Figliomeni (FDI): grave che il Sindaco Raggi non conosca il regolamento dell’Aula
Redazione - 15 Luglio 2021

“Ho letto con totale sconcerto quanto affermato dalla sindaca Raggi in data odierna allorché ha affermato che sui tempi “bisogna chiedere al Presidente dell’aula. Una previsione? E’ inserita nell’ordine dei lavori, ma è il presidente dell’aula che la deve chiamare” (quale testualmente riportata dalla agenzia Dire).

Al riguardo preciso che la proposta è all’ordine dei lavori dalla seduta del 28.6.2021, già inserita dalla conferenza dei capigruppo del 25.6.2021 -è questo invero l’organo competente a definire l’ordine dei lavori ex art 22 regolamento del consiglio- opportunamente peraltro presieduta dalla vicepresidente Seccia.
Da allora l’Assemblea nelle varie sedute tenutesi non riesce a provvedere, non solo su questa proposta, ma anche su tutte quelle che la precedono nell’ordine lavori -sempre definito per ogni seduta dalla Conferenza e poi convalidato dall’Aula ad inizio seduta, come previsto dal citato articolo 22-, per un semplice motivo: non ci sono i numeri e quindi la votazione di qualsiasi atto e spesso la stessa apertura dei lavori si traducono in un autentico stillicidio, come accade ormai da tempo. Gli atti lo attestano.
Il presidente puo’ fare ben poco, salvo che la sindaca non pensi che abbia i poteri di moltiplicarle i consiglieri a mo’ dei pani e dei pesci.
Trovo questa affermazione molto grave e dovrò necessariamente fare delle valutazioni.”

E’ quanto dichiara Marcello De Vito, Presidente dell’Assemblea Capitolina.

 

Figliomeni (FDI): grave che il Sindaco Raggi non conosca il regolamento dell’Aula.

Su questo stesso tema registriamo questo comunicato di Francesco Figliomeni consigliere di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea Capitolina.

“Spiace constatare – dichiara Figliomeni – che, nonostante gli studi giuridici, ma soprattutto nonostante i due anni svolti come Consigliere comunale e poi altri cinque anni passati ad occupare la poltrona più alta dell’Amministrazione, il Sindaco Raggi non conosca ancora il regolamento dell’Aula. Pensavamo che, avendo completamente abbandonato la città, almeno si concentrasse sui regolamenti interni, ma ci dobbiamo ricredere. Oggi i media riportano le sue affermazioni che, con riguardo allo stadio della società sportiva Roma e sul ritardo nella votazione della delibera che annulla la pubblica utilità, come già avvenuto con la questione dei rifiuti, adotta la collaudata tecnica dello scarica-barile affermando che ‘per quanto riguarda i tempi bisogna chiedere al presidente dell’aula’ addirittura affermando che ‘al momento è inserita nell’ordine dei lavori ma è il presidente dell’aula che deve chiamarla’. Ci permettiamo di ricordare al Sindaco che non è il Presidente dell’Assemblea Capitolina che deve chiamarla, ma i suoi consiglieri, si gli stessi che mese dopo mese l’hanno abbandonata tant’è che ora non ha più nemmeno una maggioranza. Questa ennesima vicenda ci conferma che non solo la Raggi non è stata in grado di governare la città ma non è stata nemmeno in grado di capire il regolamento dell’Aula. Le uniche certezze, in tema di sport, sono state che la città ha perso le Olimpiadi del 2024 e che i tifosi della Roma, a causa del suo cincischiare, ancora non hanno uno stadio di proprietà”.

Pubblicità elettorale Regionali 2023

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti