Laboratorio Analisi Lepetit

Degrado dei parchi nel VII: Claudio Giuliani risponde a Mario Galli

Perché l'Udc interviene propio ora che il Municipio ha intrapreso bonifiche ambientali?
Riceviamo e pubblichiamo - 29 Luglio 2009

Riceviamo da Claudio Giuliani in risposta all’articolo di Mario Galli dell’Udc sul degrado dei parchi nel VII municipio questa e mail, che pubblichiamo qui di seguito.

GiulianiA parte le problematiche di carattere eminentemente personali e politiche, circa il cambio di casacca del Presidente del VII municipio, delle quali, eventualmente, Mastrantonio dovrà risponde ai suoi elettori, ci fa sorridere il richiamo di Mario Galli, della direzione UDC di Roma, che in quanto alle scelte politiche, dovrebbe parlare con i big del suo partito, per comprendere quale collocazione gli stessi ritengono prendere. Scegliere sui programmi, come qualcuno di questi signori va dicendo sui quotidiani romani, non significa altro spesso che valutare quali e quanti assessorati e posti di sottogoverno si potranno incassare con una od altra coalizione, e passiamo oltre.

Intanto, per quale motivo, soltanto oggi qualcuno si accorge dell’eventuale degrado ambientale, dopo circa un anno di consiliatura, proprio quando il VII municipio ha già da un pezzo intrapreso bonifiche ambientali consegnando ai cittadini, laddove si è reso possibile, spazi verdi di pubblico utilizzo. Quali e quante iniziative politiche ha intrapreso il locale consigliere UDC sulle problematiche del verde e dell’ambiente?

Non ci sembra di avere visto molto spesso la presenza della parte istituzionale-amministrativa e politica UDC in prima fila a sostegno delle lotte e delle prese di posizione nei confronti del degrado dei campi nomadi e delle scorrerie di questi ultimi nel parco archeologico di Centocelle e di altri spazi verdi del territorio.

Si abbia il coraggio di stare tra la gente e vivere con loro il disagio e il degrado, quindi, proporre soluzioni ai problemi.

Claudio Giuliani Presidente Commissione Personale VII Municipio


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti