Delibera Acea, tutto da rifare

Consiglio di Stato accoglie ricorso opposizione. Marroni(Pd): "Alemanno ritiri delibera 32"
Enzo Luciani - 26 Luglio 2012

Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di tre consiglieri di opposizione sulle procedure adottate dall’assemblea capitolina nella delibera per la privatizzazione di ACEA. Il Comune non potrà dunque approvare la delibera 32 senza trattare i 23.000 circa ordini del giorno presentati dai consiglieri dell’opposizione.  

"Questo – commenta il Comitato Acqua Bene Comune – è l’ennesimo colpo per il Sindaco di Roma e le sue alleanze che vogliono speculare sull’acqua e i beni comuni. "Questa sentenza che sancisce lo stop sulle forzature della discussione in Campidoglio, si unisce a quella sul merito espresso dalla Corte Costituzionale sul Decreto Legge dell’agosto scorso sulle privatizzazioni.
Questa è una grande vittoria raggiunta grazie anche alla straordinaria mobilitazione messa in campo in questi ultimi mesi dalle forze sociali e dalle forze politiche di opposizione. Contiamo davvero che questa decisione valga come una pietra tombale sulla privatizzazione di Acea".

"Ora – ha affermato, in una nota, Umberto Marroni, capogruppo PD di Roma Capitale – il Sindaco Alemanno eviti di umiliare ulteriormente le istituzione di Roma Capitale, e anche alla luce della sentenza delle Corte Costituzionale ritiri la delibera 32 e apra finalmente la discussione sul bilancio dopo aver bloccato Roma per tre mesi. Certo è che dopo quanto accaduto in questi mesi qualcuno dovrebbe responsabilmente pensare alle sue dimissioni".

Dar Ciriola asporto

Solidarietà e sostegno al presidente dell’Assemblea Capitolina, Marco Pomarici da parte del sindaco di Roma, Gianni Alemanno. "L’opposizione – commenta il primo cittadino – con una condotta ideologica folle, ha presentato 160mila tra emendamenti e ordini del giorno, ha bloccato di fatto il lavoro dell’assemblea capitolina, ha presentato ricorso al Tar e al Consiglio di Stato, e il risultato di tutto questo è stato solo una sconfitta per la città e i suoi cittadini, che così hanno meno risorse per gli investimenti e per le spese correnti, in un momento di crisi economica grave e globale. Il presidente Pomarici ha sempre svolto il suo incarico con senso di responsabilità e correttezza, qualità che dovrebbe essere imitate anche dalle altre forze politiche".

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti