Dieci anni di integrazione e cultura Bangladesh al Circolo Pd di Centocelle

Festeggiati il 16 dicembre 2018, festa nazionale per l’indipendenza dal Pakistan
Redazione - 18 Dicembre 2018

Domenica 16 dicembre 2018 si è svolta una festa con le famiglie e i bambini della scuola di cultura Bangladesh, ospitata nella sede del Pd di Centocelle, in via degli Abeti 14.

Festa cultura BangladeshMohammad Golan Mustafà, presidente organizzatore di questa scuola, ha voluto celebrare i 10 anni di attività nel giorno della Festa Nazionale del Bangladesh, che ricorda l’indipendenza dal Pakistan ottenuta nel 1971.

Attualmente i corsi, svolti grazie al volontariato gratuito di tante mamme, sono frequentati ogni sabato e domenica mattina da circa 30 bambini.

In questa scuola non si insegnano la lingua e la cultura italiana, che i bambini imparano molto bene nella scuola pubblica, ma si cerca di trasmettere alle nuove generazioni la cultura del proprio paese di origine, in modo da mantenere viva la tradizione culturale, nazionale e religiosa del Bangladesh.

Da uno studio fatto da una Università inglese nel 2006 risulta che la lingua del Bangladesh è la quarta lingua parlata nel mondo, visto che la parlano oltre 300 milioni di persone.

I bambini e le mamme hanno partecipato alla festa con i costumi tradizionali e con i simboli della festa nazionale di indipendenza.

Bambine e bambini hanno presentato danze e canti e a tutti sono stati consegnati dolci e piccoli premi.

Il 2 dicembre anche l’Ambasciatore del Bangladesh a Roma aveva visitato questa scuola, ringraziando quanti si stanno impegnando per mantenere viva la tradizione del proprio paese d’origine.

All’incontro di domenica scorsa hanno partecipato il segretario del circolo Pd, Gabriele Grandoni, il presidente dell’Assemblea PD Roma, Sibi Mani Kumaramangalam.

Entrambe hanno sottolineato l’importanza di questo percorso decennale di integrazione e di cultura, tanto più in un momento in cui si cerca di cancellare molti processi di integrazione già avviati.

Sergio Scalia


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti