Diffida di pagamento Metro C contro Roma Capitale, Roma Metropolitane e Commissario governativo

I punti principali del contenzioso

Nei giorni scorsi Metro C ha inviato una lettera di diffida di pagamento a Roma Capitale, Roma Metropolitane e al Commissario Straordinario del Governo Maurizio Gentile

Questi i punti principali del contenzioso.

– Nei giorni scorsi il consorzio Metro C ha intimato a Roma Metropolitane di provvedere con urgenza al pagamento di quanto le spetta nel rispetto e nell’esecuzione del lodo parziale del 6/09/2012 e della sentenza della Corte di Appello n.1904 del 06/04/2020 che rigettava come inammissibile l’impugnazione di tale lodo da parte di Roma Metropolitane stessa.

– Roma Metropolitane ha infatti finora provveduto, in data 20 aprile 2021, alla liquidazione della sola sorte capitale, pari a poco più di 15 milioni di euro, corrispondenti agli interessi di mora.

– Roma Metropolitane risulta dunque ancora debitrice verso Metro C non solo di più di 17 milioni di euro (dovuti al saldo delle fatture emesse sin dal 2013) ma anche di tutti gli importi dovuti a titolo di rivalutazione monetaria ed interessi sanciti dal lodo arbitrale, che ad oggi Roma Capitale non ha provveduto ancora a finanziare, nonostante Metro C abbia impugnato la delibera n.187 del 29 dicembre 2020 nella parte in cui l’Assemblea capitolina si era limitata ad inserire nei debiti fuori bilancio dell’Amministrazione la sola sorte capitale, tralasciando tutte le altre somme ulteriori.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento