Dimissioni Marcucci, anche il Pd esce dalla maggioranza

Donati (SEL): nel V Municipio, anche per il PD la misura è colma. Ora lavoriamo insieme per l'alternativa
Enzo Luciani - 29 Luglio 2011

Massimiliano Marcucci, ex assessore del Pd, dopo essersi dimesso dalla giunta Caradonna riceve l’apprezzamento del proprio partito: "condivisione e solidarietà – dichiarano in una nota congiunta i consiglieri Sciascia, Esposito,Chiappini, Marino del gruppo PD Municipio Roma 5- per le ragioni politiche che hanno determinato la scelta di dimettersi dall’incarico di assessore di Massimiliano Marcucci, in linea con il dibattito svolto dall’ultimo coordinamento municipale del PD. I cittadini vogliono chiarezza e trasparenza dalla politica, senza queste condizioni non puo’ esistere la possibilita’ per il Partito Democratico di sostenere la giunta Caradonna.

Ma a spalleggiare Marcucci è anche Sel, che di poco ha preceduto il Pd. «Le dimissioni dell’assessore del PD Marcucci, e l’appoggio ricevuto dai consiglieri del suo stesso partito – dichiara Fabrizio Donati, capogruppo SEL in V Municipio – confermano quanto Sinistra Ecologia e Libertà denunciava da tempo e cioè che, purtroppo, in V Municipio il centro-sinistra non ha più cittadinanza, sostituito da un vero e proprio ribaltone. Le dimissioni di Marcucci sono la dimostrazione che anche per il PD la misura è colma. Mentre API e PDL possono finalmente convogliare a nozze alla luce del sole, SEL e PD devono iniziare a mettere in campo il cantiere dell’alternativa. Se il Presidente Caradonna non rassegnerà le dimissioni, dovremo farci carico noi di garantire il programma di centro-sinistra e di seguire a fianco dei cittadini tutte quelle vertenze territoriali utili a contrastare le disastrose politiche di Alemanno e Berlusconi».
«Il trasversalismo del V Municipio – conclude Donati – mostra da un lato quanto sia screditato e inadeguato il partito di Alemanno, dall’altro obbliga il centro-sinistra ad un serio processo di rinnovamento della propria classe dirigente».
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti