Disabilità: “Ancora molta strada per i giusti diritti”

Lo dichiara Francesco Figliomeni, vicepresidente dell’Assemblea Capitolina e responsabile nazionale di Fratelli d’Italia per le politiche sociali
Redazione - 3 Dicembre 2019

“Oggi, Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, istituita nel 1981 dalla Convenzione Onu, è un’occasione duplice per ricordare da una parte le condizioni di vita di milioni di cittadini che convivono con questa situazione e dall’altra per sottolineare un impegno comune da parte delle istituzioni e della società per garantire uguali diritti. Negli anni è stato fatto molto in Europa ma l’Italia purtroppo è ancora latitante sotto diversi punti di vista. Una mancanza sulla quale non si può tergiversare, ma sulla quale c’è ancora molto da fare. La disabilità infatti continua a scontrarsi con barriere mentali, culturali e fisiche ancora non risolte, e purtroppo una città come Roma, capitale d’Italia, soprattutto per quel che riguarda le barriere architettoniche e i servizi, deve fare ancora molto. Ne è un esempio la penosa gestione del trasporto dei disabili portata avanti dall’Amministrazione pentastellata, che sta creando non pochi problemi agli utenti a causa del passaggio ad un nuovo gestore carente di mezzi di trasporto a fronte di una grande richiesta, e con mezzi carenti da un punto di vista strutturale.

“Questa è soltanto una delle diverse criticità con cui le persone disabili devono convivere a cui vogliamo dare voce, anche attraverso la predisposizione di una proposta di delibera che riveda il Regolamento 129/18 in merito ai servizi, misure ed interventi per la mobilità individuale delle persone con disabilità, dove l’Amministrazione grillina non si è preoccupata di ascoltare le richieste della Consulta sui problemi della disabilità, rappresentata da persone che quella disabilità la vivono ogni giorno sulla propria pelle”.

Lo dichiara Francesco Figliomeni, vicepresidente dell’Assemblea Capitolina e responsabile nazionale di Fratelli d’Italia per le politiche sociali.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti