Domenica 8 dicembre la prima edizione della Run for Autism 2012

La corsa per la solidarietà si svolgerà nello Stadio Paolo Rosi
di Aldo Zaino - 20 Novembre 2012

La Run for Autism 2012 è la prima edizione italiana della gara podistica su strada nata per sensibilizzare la cittadinanza e dare visibilità al tema dell’autismo, una malattia che colpisce migliaia di nuovi nati ogni anno e condiziona irrimediabilmente la vita di famiglie intere in tutto il mondo.

Questa prima edizione rappresenterà il momento di chiusura dell’Evento Nazionale 2012 del Progetto Filippide che si svolgerà a Roma dal 6 all’8 dicembre 2012, organizzato dall’omonima associazione benemerita del Comitato italiano para-olimpico, come unica realtà organizzata esistente che si occupa di agevolare l’integrazione e la socializzazione di ragazzi e ragazze affetti da autismo, attraverso la pratica quotidiana di allenamenti sportivi e la partecipazione alle gare podistiche in calendario a livello nazionale e internazionale.

La corsa di lunga distanza è una disciplina sportiva che all’interno delle competizioni ufficiali determina la completa integrazione tra gli atleti partecipanti, indipendentemente da qualsiasi differenza psico-fisica sussistente.

La Run for Autism 2012 comprende la corsa competitiva di 5 km e la non competitiva di 2 km. Per il valore e le finalità dell’iniziativa, i grandi nomi dello sport nazionale hanno già confermato la propria partecipazione. Partenza e arrivo allo Stadio Paolo Rosi. Il costo d’iscrizione è di 10 euro. Iscrizioni gratuite per i minori di 16 anni

Tutti i partecipanti iscritti riceveranno in omaggio un ricco pacco gara offerto dai marchi sostenitori. I proventi ricavati dalle singole iscrizioni saranno destinati alla copertura delle spese di organizzazione e a finanziare la ricerca medico-scentifica sull’autismo. Per altre informazioni http//www.runforautismo.it .

Siamo certi che il mondo del podismo, da sempre sensibile a queste iniziative, ancora una volta parteciperà di buon grado all’appuntamento.  


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti