Domenica 8 ottobre 2017, l’Ensemble “Cafè Loti” apre la 5ª edizione della rassegna “Musica al Castello”

Redazione - 2 Ottobre 2017

Domenica 8 ottobre 2017 alle h. 18.00 si apre la 5ª edizione della rassegna di musica antica e della tradizione musicale popolare “Musica al Castello”, organizzata dall’associazione culturale “La Baronia di Cerveteri” con l’importante contributo del Castello di Ceri. Il concerto d’apertura vedrà in scena l’Ensemble “Cafè Loti” che si esibirà nel salone delle feste dello storico Palazzo Torlonia, nel magnifico Borgo medievale di Ceri.

L’Ensemble, proveniente da tournèe e collaborazioni con artisti di fama sia in Italia che all’estero, è formata da un trio di musicisti d’eccezione: Nando Citarella: voce, tammorre, chitarra battente,  marranzano; Stefano Saletti: bouzouki, oud, chitarra, percussioni, voce; Pejman Tadayon: saz, oud, târ, setâr, ney, voce. L’Ensemble proporrà al pubblico melodie e canti della tradizione popolare italiana e mediterranea, nel rispetto della tradizione musicale.

Tre musicisti con un solido background, da anni impegnati nella ricerca sulle musiche popolari del Mediterraneo e dell’Oriente, si incontrano in un progetto originale che diventa un ponte tra passato e presente, tra musica “colta” e popolare, tra la tradizione occidentale e quella orientale. Nell’antico Cafè Loti di Istanbul i viaggiatori si fermavano a parlare, si conoscevano, suonavano e cadevano le differenze tra Nord e Sud del mondo.

Le melodie viaggiavano, gli strumenti viaggiavano, i ritmi viaggiavano. E se si può viaggiare con il corpo e con la mente, il viaggio che propongono Nando Citarella, Stefano Saletti, Pejman Tadayon sulle rotte della storia è un percorso che parte dalla Spagna, si incontra con i trobadours francesi e le cantate popolari di Napoli e del Sud d’Italia, incrocia il canto in Sabir, attraversa le antiche vie della seta, la Persia e, poi si trasforma e diventa una musica nuova capace di vivere di nuova luce, di emozionare e trascinare chi l’ascolta. Per dimostrare che la musica è il linguaggio del possibile dove l’incontro con l’altro arricchisce, trasforma, innova. Così è stato per secoli prima che si innalzassero barriere e muri figli della paura e dell’ignoranza. La tammorra risuona su un bouzouki greco, il saz, il setar e l’oud accompagnano il marranzano e il canto a tenore. Nel repertorio, oltre a composizioni originali, brani della tradizione sefardita spagnola, cantigas medievali, brani di musica classica persiana, madrigali, tarantelle, ballate popolari. Una festa in musica che attraversa il Mediterraneo sulle rotte degli antichi viaggiatori.

Il concerto di domenica 8 ottobre h. 18.00 si preannuncia musicalmente di alto livello, e per le sue caratteristiche, imperdibile. Ricordiamo che i posti per assistere al concerto sono a numero chiuso, per cui si invita di prenotarsi per tempo al numero di cellulare di seguito indicato. Nel dopo concerto l’Associazione “La Baronia di Cerveteri” offrirà al pubblico presente una degustazione di vini, offerta dall’azienda vinicola Casale Centocorvi, e gustose specialità realizzate con ricette medievali.

Ingresso ai concerti Euro 12,50 – Ridotto fino a 12 anni Euro 10,00 – Per info e prenotazioni: 3284556507 – E-mail: labaroniacerveteri@gmail.com


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti