Doppio comunicato Fratelli d’Italia sul X Municipio di Roma Capitale

Redazione - 24 Agosto 2019

Il coordinatore di Fratelli d’Italia Pietro Malara ha diramato due comunicati, il primo sull’installazione di una nuova passerella in legno sul Lungomare degli Abruzzi – per facilitare l’accesso dei portatori di disabilità in spiaggia – e il secondo sulle bandiere inneggianti alla violenza contro le Forze dell’Ordine attualmente presenti all’evento di Playa Clandestina presso piazza Magellano.

“ARRIVA LA PASSERELLA PER PERSONE DISABILI SUL LUNGOMARE DEGLI ABRUZZI.. MA A FINE STAGIONE!”

“Siamo contenti di osservare come sia stata posizionata in questi giorni una passerella in legno sul Lungomare degli Abruzzi, che faciliterà l’entrata nella spiaggia libera per le persone affette da disabilità. Poniamo però dei dubbi sulle tempistiche e i materiali usati per effettuare quest’importante varco pedonale, che effettuato con ‘legno non lavorato’ potrebbe soffrire le mareggiate dell’imminente stagione autunnale e la salsedine: questi fenomeni potrebbero far marcire l’attuale struttura urbana per l’accesso in spiaggia, rendendo vana questa installazione nel giro di pochi giorni e conseguendo a un risultato analogo all’attuale varco inutilizzabile del Pontile di Ostia. Fa riflettere anche la tempistica di questi lavori, che vedono luce purtroppo alla fine della nostra stagione estiva e palesano come il nostro Municipio sia in ritardo sulla programmazione per attrezzare il nostro territorio all’Estate 2019: un caso unico nel suo genere se lo vediamo bene, considerato come tutte le altre città balneari d’Italia sono pronte dal mese di maggio a livello di attrezzature per ospitare e rendere più liete le vacanze dei turisti”. Così dichiarano in una nota Pietro Malara (capogruppo e coordinatore di Fratelli d’Italia nel X Municipio di Roma Capitale) e Andrea Rapisarda (esponente di Fratelli d’Italia nel X Municipio).

 

“Alla Playa Clandestina bandiere inneggianti a Liboni e alla violenza”

“Prove generali di accordo tra  cinque stelle ed estrema sinistra al curvone di ostia. Alla kermesse Playa Cladestina è stato posta in bella vista una bandiera che inneggia a Liboni, l’assassinio di poliziotti che è stato mitizzato dai centri sociali e dalle forze più radicali del panorama politico. CVL con la mano che fa il segno della pistola, è l’acronimo “ce vorrebbe Liboni”, ovvero l’esaltazione delle violenza contro la polizia in voga tra gruppi radicali di ogni colore.   Non è ammissibile una provocazione di questa portata in uno spazio concesso dall’amministrazione pubblica. La presidente Di Pillo si discosti immediatamente dagli organizzatori della manifestazione ed imponga loro la rimozione della bandiera che mortifica il senso dello stato tutte le forze dell’ordine che ogni giorno tutelano la sicurezza del nostro territorio.“, così dichiara Pietro Malara, Capogruppo e Coordinatore di Fratelli d’Italia del X Municipio.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti