È online il “Bilancio di Mandato” di Roma Capitale

Ecco come si può raggiungere il sito che raccoglie i principali risultati conseguiti dall’Amministrazione capitolina negli ultimi cinque anni
Redazione - 8 Luglio 2021

È online ‘Bilancio di Mandato’, il sito che raccoglie alcuni dei principali risultati conseguiti dall’Amministrazione capitolina negli ultimi cinque anni.

È raggiungibile dal portale istituzionale di Roma Capitale (www.comune.roma.it) o dal link:

https://www.comune.roma.it/eventi/it/bilancio-di-mandato.page

A disposizione del cittadino testi di semplice consultazione, arricchiti da immagini e infografiche, che raccontano il percorso dell’amministrazione in questi anni, dai cantieri di #stradenuove ai nuovi bus per il trasporto pubblico, dalle politiche per il verde a quelle per la casa, dalla rigenerazione dei beni pubblici a quella di aree ludiche e palestre, e ancora interventi e sgravi per il commercio, investimenti per la cultura, i nuovi centri antiviolenza, la lotta all’abusivismo e per la legalità.

Il sito è diviso in sedici sezioni: Accessibilità e inclusione; Ambiente, Casa e Patrimonio; Cultura; Economia e Finanza; Emergenza Sanitaria; Innovazione e Smart City; Innovazione Organizzativa e Gestionale; Innovazione Partecipativa; Mobilità e Trasporti; Opere e Manutenzione della città; Scuola e sociale; Sport; Sviluppo Economico; Turismo; Urbanistica.

Con il bilancio di mandato illustriamo a tutti alcuni dei principali risultati conseguiti dall’Amministrazione in questi cinque anni di lavoro al servizio di Roma. E’ un sito trasparente, dinamico e in continuo aggiornamento, perché tante sono le azioni e i traguardi concreti raggiunti e altri ancora se ne aggiungeranno. Molte attività sono ancora in corso e andranno avanti nei prossimi mesi. Continueremo a raccoglierle e raccontarle, elencando tutte le tappe di questo straordinario percorso che ha un unico traguardo: rendere Roma più bella, moderna, concretamente di tutti”, afferma la sindaca di Roma Virginia Raggi.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti