Emergenza nomadi a Magliana

Augusto Santori (PDL): “Il Prefetto intervenga per risolvere questione nomadi a Magliana”
Enzo Luciani - 30 Agosto 2011

La situazione dei nomadi a Magliana preoccupa Augusto Santori, consigliere PDL in XV municipio che chiede al Prefetto di intervenire per risolvere "l’emergenza" nel quartiere. “Il bivacco nelle vie della Magliana, da Via Greve fino alla pista ciclabile lungo il fiume Tevere – scrive in una nota – l’occupazione della struttura Vela de Mar e quello delle rive golenali fino ad arrivare all’occupazione del Viadotto soprattutto negli orari notturni, oltre che lo stazionamento di fronte ad attività commerciali e supermercati sta creando da settimane un clima di forte tensione in tutto il quartiere Magliana, cui sarà necessario dare risposte per garantire pace sociale e legalità, onde evitare qualsiasi tipo di riprovevole azione che sia di giustizia fai da te o di natura xenofoba”.

“Gli interventi dei Carabinieri di Villa Bonelli e le azioni del XV Gruppo della Polizia di Roma Capitale – insiste Santori – da sole purtroppo non bastano a restituire uno stato di sicurezza e serenità ai residenti di Magliana, crediamo quindi che sia quanto mai indispensabile un’azione del Prefetto in tal senso. Anche le strutture della ex scuola 8 marzo di Via dell’Impruneta, a detta di molti residenti, ospiterebbero diversi immigrati, di cui la cittadinanza non sa assolutamente nulla, continuando giorno dopo giorno a nutrire preoccupazione e rabbia”.“Il fatto poi che i nomadi siano stanziati all’interno delle strutture abbandonate de la Vela de Mar – afferma Santori – preoccupa i genitori dei bimbi della Quartararo considerato che a breve cominceranno nuovamente le scuole. La struttura, pur essendo privata, può comunque essere sgomberata qualora si riscontrasse pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica e in tal senso, dall’aria che si respira a Magliana, credo che il caso rientri in questa fattispecie e che il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza di Roma debba perentoriamente decidere di mettere fine all’occupazione dello stabile”.“Stessa situazione in Via Greve vicino alla scuola Graziosi – conclude Santori – ove l’area verde versa in condizioni di degrado e il quadrante è completamente sotto l’assedio dei camper nomadi che frequentano costantemente l’area”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti