Estate Romana a Tor Vergata. Scorzoni risponde

Agli espositori dell'area sequestrata dall'VIII gruppo della Polizia Municipale il 4 agosto 2011
Enzo Luciani - 21 Agosto 2011

“Voglio rispondere agli espositori dell’Estate romana del Municipio VIII i quali, attraverso una lettera recapitata alla stampa locale, mi hanno citato e chiamato in causa circa il comportamento assunto nella vicenda da me e dal Partito democratico municipale”.

Inizia così la risposta del capogruppo Pd in Municipio VIII, Fabrizio Scorzoni, agli espositori dell’area allestita per l’Estate romana a Tor Vergata e sequestrata dall’VIII gruppo della Polizia Municipale il 4 agosto scorso. Gli espositori, tramite una lettera recapitata nei giorni scorsi alla stampa locale, hanno chiesto a Scorzoni e al gruppo municipale del Partito democratico come mai non fossero stati da loro avvertiti dell’irregolarità della manifestazione, rendendosi anche disponibili ad un eventuale incontro con il capogruppo.

“Vorrei ricordare a tutti che, il 7 agosto, a tre giorni di distanza dal sequestro dell’area da parte dell’VIII gruppo dei Vigili urbani, ho semplicemente commentato la notizia tramite il mio Ufficio Stampa denunciando, stanti i fatti recenti e passati, i numerosi atti illeciti di cui si è fin qui macchiata l’attuale amministrazione municipale. Successivamente, intervistato da ‘Paese Sera’, ho invitato gli espositori che si ritengono truffati a sporgere regolare denuncia alla Magistratura.

Ai suddetti espositori, che hanno accusato me e il mio partito di non averli avvisati dell’irregolarità della festa, voglio ricordare che il gruppo consiliare Pd del Municipio VIII ha denunciato anche negli anni scorsi le irregolarità delle passate manifestazioni. Riguardo l’evento di quest’anno, né io né il mio Partito potevamo avvisare nessuno anticipatamente, poiché siamo venuti a conoscenza degli illeciti solo dopo il sequestro della Polizia municipale.

E’ anche importante precisare che – continua Scorzoni – di fronte ad irregolarità così gravi, il problema non poteva essere risolto avvisando qualcuno, mentre sarebbe stato compito di chi impegna le proprie attività e risorse in una manifestazione, verificare che gli organizzatori fossero attendibili prima di pagare le somme richieste.

E’ bene ricordare anche che la manifestazione è stata chiusa per mancanza di tutti i titoli autorizzativi e per la responsabilità esclusiva di chi l’ha organizzata,

Sull’affermazione relativa alla presenza dei Casamonica, credo che si commenti da solo chi l’ha espressa. Siamo al rovesciamento delle regole della convivenza civile e a questo rispondo con enorme disgusto. Purtroppo gli anni di governo del centro-destra, e in particolare di Lorenzotti, hanno reso tutto lecito. Io mi opporrò sempre a questo modo di amministrare la cosa pubblica al di fuori delle regole.

Infine – conclude Scorzoni – agli espositori che hanno manifestato la volontà di incontrarmi, e a chiunque lo voglia, ricordo che la mia porta e quella dei colleghi del gruppo del Partito democratico è sempre aperta, per contribuire, nella legalità, alla buona riuscita degli eventi. Ma cercarci solo quando il disastro è realizzato è a dir poco scorretto”. 

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti