Eur: notizie e curiosità

Un quartiere votato all’architettura d’autore e a suggestioni avveniristiche
Brunella Bassetti - 15 Ottobre 2019

L’E.U.R. e Roma: un rapporto complesso e contraddittorio tra la “capitale” e questo quartiere che da “esposizione” doveva essere il volano dell’”espansione” verso il mare. C’è l’urbanistica che si è sviluppata, soprattutto, negli ultimi anni; c’è un esempio importante di architettura degli anni ’30 e c’è, infine, una lunga lista di progetti o di riqualificazioni non ancora concluse.

È proprio di questi giorni la notizia che le torri di “Beirut (ossia le Torri Ligini nate come uffici del Ministero delle Finanze), chiamate così ormai da troppi, lunghi anni, subiranno un restyling con un finanziamento di 100 milioni di euro della Cassa Depositi e Prestiti con la collaborazione del Campidoglio. I lavori dovrebbero iniziare a dicembre per concludersi tra tre anni, restituendo tutta l’area circostante – nuovamente – alla piena fruibilità dei cittadini attraverso un progetto di riqualificazione e all’avanguardia dal punto di vista tecnico, energetico e ambientale. Saranno sede di aziende primarie italiane.

Nulla, invece, si sa dell’apertura del SEA LIFE Roma Aquarium situato a ridosso dell’area dei grattacieli. Un progetto che va avanti dal 2007, la cui apertura è stata annunciata più volte ma, di fatto, quella zona del laghetto è ancora off-limits.

Eppure, L’E.U.R., sin dalla sua nascita, è stato sempre un quartiere votato all’architettura d’autore e a suggestioni avveniristiche. Ne è, in tal senso, un esempio il Centro idrico Eur di Vigna Murata. Un capolavoro di design dalle linee e dalle forme futuristiche; un’opera unica nel suo genere realizzata dall’architetto Francesco Palpacelli nel 1989. Con i suoi 120 metri di altezza costituisce la quinta struttura architettonica più alta della capitale [per curiosità citiamo le altre in classifica – guarda caso quasi tutte in questo quadrante della città: Torre Telecom Italia di Tor Pagnotta (178 mt), Torre Eurosky a Torrino (155 mt), Torre Radio di Monte Mario (146 mt), Cupola di San Pietro (136,57 mt), Torre Europarco di Torrino (120 mt)]. L’intero progetto prevedeva, anche, il sorgere di un parco scientifico dell’acqua attorno alla struttura unitamente ad un museo all’interno della torre e una caffetteria sulla terrazza panoramica. Nulla di tutto ciò è stato realizzato.

L’E.U.R. ha ancora tante storie da raccontarci.

 

Brunella Bassetti

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti