Categorie: Politica
Municipi: ,

Eurovision, Figliomeni (Fd’I): Tasciotti inadeguata, si scusi per il post su Facebook

“Siamo sconcertati dal post dell’Assessore Tasciotti che, con arroganza e tracotanza, non paga del misero risultato ottenuto e dell’ennesima occasione persa per Roma, afferma che ‘il 90% dei cittadini non sa cosa sia Eurovision’. Peccato che questa sia la più importante competizione di musica a livello europeo e che il Sindaco Raggi, come al solito davanti alle telecamere, affermò che ‘Roma sarebbe stata il palcoscenico perfetto per rilanciare la sfida’. La realtà invece ha dato alla città eterna l’ennesimo boccone amaro da ingoiare, ma non possiamo stupirci di ciò se l’Assessore, davanti alle telecamere, ha ammesso che ‘sapevamo di non avere i requisiti ma ci abbiamo provato. Pensavamo cha anche altre città candidate non avessero tutti i requisiti’.

Lo dichiara Francesco Figliomeni consigliere di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea Capitolina.

“Ecco – prosegue Figliomeni – dove ci ha portato il Sindaco Raggi con le sue nomine in Giunta dove, invece che la competenza, si è scelto la vicinanza. L’Assessore, che gli piaccia o no, che i cittadini conoscano o meno la manifestazione, deve essere consapevole che, per il ruolo che ricopre, è la persona che ha più responsabilità nel fallimento dell’esclusione di Roma dalla corsa per l’assegnazione della prossima edizione di Eurovision. E, invece di scrivere post su Facebook, chieda scusa per il fatto che Roma, anziché stare nelle cronache europee per la musica, continuerà a stare nelle cronache italiane per motivi non consoni alla sua storia. Roma non merita questo binomio di incompetenza-pressapochismo e il post non è che l’ennesima manifestazione dell’arroganza del potere degli esponenti grillini. Roma resisti, tra 39 giorni sarà tutto finito”.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento