Falso dentista a Corcolle

Esercitava all'interno di un appartamento a Corcolle senza alcun titolo
Enzo Luciani - 19 Luglio 2012

 

 

Si spacciava per un dentista ma era solo un odontotecnico che esercitava senza titolo la professione di dentista, a Corcolle, nell’VIII Municipio. E’ stato scoperto grazie alla segnalazione di un cittadino straniero che si è presentato agli agenti del Reparto Operativo del Gruppo Sicurezza Pubblica ed Emergenziale con tre denti nella mano e la bocca dolorante. Si era rivolto al finto dentista per farsi curare un incisivo ma ne è uscito con tre denti estratti, una protesi provvisoria e l’obbligo di utilizzare un obsoleto e invasivo apparecchio odontoiatrico. L’intero “trattamento” gli era costato un migliaio di euro, rigorosamente in nero.

I vigili, diretti dal vicecomandante del Corpo Antonio Di Maggio, hanno individuato e denunciato il falso dentista, all’interno di un appartamento adibito a studio medico e privo di qualsiasi titolo autorizzativo.

Al sedicente dottore, un romano di 52 anni, sono state sequestrate due poltrone odontoiatriche nonché pinze da estrazione, dispositivi da sedazione e altre soluzioni mediche. Il Dipartimento per le Politiche Sociali del Comune di Roma ha assicurato all’incauto paziente le cure necessarie, questa volta eseguite da un vero dentista.

 

 

La Polizia Locale di Roma Capitale lancia un appello ai cittadini affinché, "nel caso necessitino di assistenza sanitaria, non si rivolgano a personaggi non qualificati e senza scrupoli, i quali, oltre a non essere in grado di curare le patologie da cui sono affetti, possono pregiudicare irrimediabilmente il loro quadro clinico. Il consiglio è quello di verificare sempre attraverso la consultazione dell’albo dei medici che il professionista a cui ci si rivolge abbia quantomeno le attestazioni prescritte dalla Legge. Nel dubbio, l’invito è quello di rivolgersi alla Polizia Locale di Roma Capitale o alle altre Forze di Polizia per l’accertamento dei singoli casi.

Adotta Abitare A

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti