Farmacap, Figliomeni (FDI): “Interrogazione e accesso agli atti su bando estivo per D. G.”

Redazione - 29 Agosto 2020
“Abbiamo presentato una interrogazione urgente al Sindaco Raggi accompagnata da un accesso agli atti per sapere i motivi del bando uscito in pieno agosto per la ricerca della figura del Direttore Generale di Farmacap, un dirigente sotto il controllo dell’assessorato al Bilancio e Partecipate con stipendio di oltre centomila euro e l’aggiunta di ulteriori incentivi del 25%, selezione che però, oltre alla stranezza del periodo, sembra presentare diverse criticità e lati oscuri tra cui l’esclusione di chi ha già ricoperto l’incarico nei sei anni precedenti, criteri che potrebbero esporre l’azienda a ricorsi e lungaggini giudiziarie.”
Lo dichiara Francesco Figliomeni consigliere di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea Capitolina.
“Ci sembra veramente molto strano -prosegue Figliomeni – che in un’azienda speciale, con in corso un immotivato commissariamento per molti anni, il bando, che peraltro si poteva indire tantissimo tempo fa, non sia stato predisposto dal Commissario straordinario bensì dal direttore generale nominato un anno e mezzo fa ed entrambi non si comprende in base a quali requisiti di merito. Qui gatta ci cova! Abbiamo denunciato sin dall’inizio della consiliatura Raggi le manovre poco chiare su Farmacap avanzando a più riprese molte proposte, senza essere ascoltati purtroppo, tra cui la fine del commissariamento, un serio piano industriale, la nomina di un amministratore manager ed il pagamento dei crediti da parte di Roma Capitale. Non vorremmo che in campagna elettorale venga posizionato in un altro posto strategico l’ennesimo militante 5 Stelle a discapito del merito o addirittura che, con la scusa del Covid, si voglia affossare del tutto un’azienda che, se gestita adeguatamente, grazie anche al sacrificio di tantissimi lavoratori in questi anni potrebbe essere il fiore all’occhiello dell’amministrazione, specie per le esigenze dei cittadini più disagiati”.

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti