Fase 2, Figliomeni (FDI):”Sostegni per il mondo della cultura”

Redazione - 5 Maggio 2020

“Le numerose imprese che lavorano nel mondo della cultura stanno subendo delle perdite ingenti, in particolare il settore delle mostre d’arte. Le motivazione sono principalmente due, la prima perché questo settore vive esclusivamente degli incassi delle biglietterie, ormai ferme da febbraio, la seconda è che i costi delle mostre si sostengono al 90% prima della loro apertura, mentre i ricavi sono soltanto successivi. In questo modo le imprese del settore artistico si sono trovate con tutti i costi delle mostre aperte o in apertura ma senza incassi, e da una stima di base si ipotizza la perdita di circa tre milioni di euro.

“Alcuni operatori si sono rivolti a noi per chiedere aiuto, per questo motivo facciamo da interlocutori con le Istituzioni, a cui chiediamo una sostenibilità economica in grado di coprire i costi di gestione quali il personale di vigilanza e biglietteria, le assicurazioni, le pulizie e relative sanificazioni.

“Sebbene molte istituzioni museali si sono organizzate con formule e attività fatte on line dei loro tesori d’arte, tutte unite dall’esigenza di aprire almeno virtualmente le porte della cultura, oggi è indispensabile mettere in piedi delle azioni concrete attraverso dei tavoli di concertazione tra i vertici del settore culturale vedi ministro e assessori alla cultura, sovrintendenti e soprintendenti, direttori e imprese che lavorano nel mondo della cultura, per capire le esigenze di questo mondo e dare le giuste risposte in tempi brevi”.

Lo dichiara Francesco Figliomeni, consigliere di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea Capitolina.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti