“Fermate il Capitano Ultimo” di Pino Corrias

La presentazione del libro sulla terrazza del centro commerciale Gran Roma  giovedì 12 settembre 2019
Angelo Cinat - 13 Settembre 2019

Nella splendida cornice del Parco della Mistica e con lo sfondo dell’Acquedotto Alessandrino bene in vista dalla terrazza del centro commerciale Gran Roma  giovedì 12 settembre 2019 all’imbrunire c’è stata la presentazione del libro di Pino Corrias “Fermate il capitano “ultimo”.

Sono intervenuti all’incontro, tra gli altri il direttore di Gran Roma” dottor Devis Di Cioccio che ha consigliato di connettersi sul sito della struttura per cogliere le future opportunità occupazionali, la Guardia nazionale ambientale l’onorevole Francesco Figliomeni e il consigliere Christhian Belluzzo (Fratelli d’italia) l’ing. Federici che ci ha accolto nella struttura offrendo un buffet al tramonto e naturalmente il comandante Capitano Ultimo che ci ha riproposto il suo messaggio di fratellanza e pace, buona volontà e dell’accoglienza del diverso nei luoghi di Mistica

Ha anche dato importanti notizie sulla sua casa rifugio e soprattutto sull’occasione colta al volo dai panettieri di stanza nel ristorante della sua associazione che faranno un tirocinio nei ristoranti del centro Gran Roma.

Numeroso e attento il pubblico che ha seguito gli interventi dei presentatori.

Per quanto riguarda il Capitano Ultimo ci piace scegliere alcune sue frasi tratte dal libro che ci hanno colpito in maniera particolare.

“Ho un solo talento: organizzare la lotta e scegliere gli uomini. I miei sono stati il miglior gruppo investigativo.”

“Se arresti zingari e tossici va bene, di più no perché diventi un pericolo per le lobby e cominciano i guai.”

“L’idea base è che il nostro non è un lavoro, non ha niente a che fare con i tempi e i ritmi del lavoro. Il nostro è un combattimento che comincia un giorno all’alba e non sai quando avrai finito.”

“C’è un sacco di gente che fa il carabiniere per avere un po’ di potere. Io l’ho fatto per la ragione opposta, restituirlo alla gente, seguendo un solo principio, quello che la legge è uguale per tutti”.

 

IL LIBRO

È la biografia in prima persona singolare di Ultimo, il colonnello Sergio De Caprio, l’uomo che ha arrestato Totò Riina. È il racconto collettivo dei suoi uomini – Vichingo, Arciere, Omar, Petalo, Pirata, Alchimista –, i suoi cento investigatori invisibili che hanno indagato su mafia, ’ndrangheta, camorra, corruzione a Milano, a Palermo, a Napoli, ma anche nei palazzi del potere, da Finmeccanica allo Ior, la banca vaticana, passando per la Lega. È l’avventura di un carabiniere condannato a morte da Provenzano e Bagarella, che ancora oggi vive clandestino. E che negli anni ha subito i sospetti e i teoremi confluiti nel processo Trattativa Stato-mafia. Un processo che Ultimo considera un clamoroso fraintendimento della verità, che finisce per attribuire – agli occhi della pubblica opinione – la responsabilità delle stragi allo Stato anziché “ai macellai della mafia”. È un giallo politico. Il racconto di un assedio e di una rappresaglia del potere che ha usato le inchieste Cpl Concordia e Consip per concentrare contro di lui il fuoco della disinformazione.
Protagonisti: politici di destra e di sinistra, Matteo Renzi, uomini del Csm, i vertici della Difesa e dei carabinieri. Una trappola che è riuscita a imprigionarlo in un incarico senza ruolo e senza scopo, senza uomini e senza scorta, nell’ultimo ufficio in fondo a un corridoio della Forestale. Da dove è pronto a ricominciare.

L’AUTORE

Pino Corrias, giornalista, scrittore, sceneggiatore, vive e lavora a Roma.
Tra i suoi reportage: Vicini da morire (Mondadori 2007); Nostra incantevole Italia (Chiarelettere 2018). Dal suo romanzo Dormiremo da vecchi (Chiarelettere 2015) è stato tratto il film Dolceroma di Fabio Resinaro (2019). È autore di Vita agra di un anarchico (Feltrinelli 2001) e dei racconti Disordini sentimentali (Mondadori 2016). Con Curzio Maltese e Massimo Gramellini ha scritto 1994. Colpo grosso, sull’ascesa di Berlusconi (Baldini&Castoldi 1994) e con Renato Pezzini e Marco Travaglio L’illusionista, sul declino di Bossi (Chiarelettere 2012). È autore televisivo. Tra le sue inchieste: Catturate Riina! (Raiuno 2018); Mani pulite (Raidue 1997). Dal 2000 lavora in Rai con incarichi editoriali. Per Raifiction ha prodotto La meglio gioventù, di Marco Tullio Giordana, e L’ispettore Coliandro dei Manetti Bros. È stato inviato speciale de “La Stampa”. Ha collaborato con i principali quotidiani e settimanali italiani.

 

 

 

Angelo Cinat

Gioielleria Orologeria Argenteria Licata

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti