Festa Nazionale della Romania e Trentesimo anniversario della Rivoluzione del 1989

Il 27 novembre 2019 Santa Messa solenne nella basilica di San Vitale
Federico Carabetta - 22 Novembre 2019

Il 27 novembre 2019, nella basilica di San Vitale in Via Nazionale a Roma, verrà celebrata una Santa Messa solenne per la Festa Nazionale della Romania che ricorre il 1° dicembre. Il rito sarà presieduto da S. E. Rev.ma Mons. Ioan Robu, Arcivescovo e Metropolita di Bucarest.

L’Ambasciatore della Romania presso la Santa Sede e il Sovrano Ordine di Malta, S. E. Liviu-Petru Zapirtan e Signora Maria Zapirtan, ci hanno invitato alla S. Messa ed al successivo cocktail a palazzo Ferraioli in piazza Colonna.

Un po’ di storia

La data del 1° dicembre è stata prescelta per ricordare due eventi fondamentali della storia romena: infatti il 1° dicembre 1918, al termine della Prima Guerra Mondiale, nasce lo stato nazionale romeno moderno, mentre nel dicembre 1989 la Romania rinasce, liberatasi violentemente dal regime comunista e dal totalitarismo di Ceausescu.

In particolare, il 1° dicembre 1918, ad Alba Iulia, avviene la conclusione del lungo processo di unificazione nazionale dei romeni con la dichiarazione che prende nome da quella città, e le regioni storiche a maggioranza di popolazione romena (Bessarabia, Bucovina e Transilvania) decidono e si uniscono con il piccolo regno di Romania.

L’evento del dicembre del 1989, vede il crollo del regime comunista guidato del dittatore Nicolae Ceaușescu allorquando, analogamente ai Paesi vicini, la maggior parte della popolazione rumena, fortemente sofferente sotto comunismo, destituisce il dittatore e dalle bandiere rumene taglia lo stemma comunista mentre torna ad inneggiare “Deșteaptă-te, Române!” inno nazionale rumeno vietato dal 1947 ed addirittura punito penalmente.

Federico Carabetta


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti