Figliomeni (Fd’I): stazioni trenino e metro ancora inaccessibili per disabili e anziani 

“Auspichiamo che dopo essersi svegliato dopo un lungo torpore sullo stato deficitario del T.P.L. l’assessore Calabrese abbia un ulteriore sussulto per quanto concerne le stazioni della tratta Roma-Lido e della metropolitana. Da mesi ci sono ascensori rotti, scale mobili ferme per guasti tecnici o dilatati lavori di manutenzione, tornelli che non si aprono e passaggi pedonali ancora chiusi per il Covid. Siamo molto contrariati per il fatto che i disabili, costretti su una sedia a rotelle o con difficoltà motorie e sensoriali, siano ostaggio di una amministrazione superficiale che, attraverso i suoi più membri più rappresentativi, derubrica a ‘bla bla bla’ ogni richiesta di intervento che abbiamo presentato nel corso della consiliatura. Ogni giorno questa amministrazione si riempie la bocca con fantomatici progetti, ripartenza e speranza ma, con riguardo alle persone che hanno delle disabilità, per loro ogni speranza di muoversi liberamente è destinata a rimanere vana e tutto ciò comporta una dolorosa lesione del loro diritto all’eguaglianza, alla non discriminazione e all’inclusione sociale. È necessaria quanto prima una rapida e totale discontinuità sul fronte dell’accessibilità e dell’abbattimento di tutte le barriere, architettoniche e non, e questo sarà uno dei temi che, con il Prof. Michetti, cercheremo di affrontare con forza e determinazione”.
Lo dichiara Francesco Figliomeni vice presidente dell’Assemblea Capitolina e responsabile nazionale politiche sociali di Fratelli d’Italia.

Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento