Figliomeni(FDI): “Spostare i cassonetti davanti a bar, ristoranti e luoghi sensibili”

Redazione - 2 Novembre 2019

“La questione dei rifiuti a Roma è sempre più delicata ma uno dei settori oggetto di continue polemiche è il posizionamento dei cassonetti adibiti alla raccolta dei rifiuti che, molto spesso, sono collocati in violazione del codice della strada, con grave pericolo per gli utenti, oppure sono posizionati nei pressi di scuole, asl ed ospedali e degli ingressi di negozi che vendono alimenti oltre che di ristoranti e bar che pagano tasse salate per l’occupazione di suolo pubblico per i tavolini esterni.

“Una situazione non più tollerabile visto che si propagano odori nauseabondi da quasi tutti i cassonetti che, oltre ad essere insufficienti, sono gravemente danneggiati e sempre pieni di spazzatura anche nelle zone circostanti per il mancato puntuale ritiro dell’immondizia da parte di Ama creando in tali condizioni situazioni di estremo degrado e carenza di igiene.

“Siamo sempre in attesa che venga effettivamente potenziata la raccolta differenziata, che con la giunta Raggi nonostante gli slogan purtroppo ha avuto uno stop, e venga attivato un vero servizio di raccolta porta a porta che, specie per le utenze non domestiche come ha dimostrato la trasmissione de Le Iene, si è rivelato un vero e proprio flop con l’amministrazione a guida grillina. Abbiamo predisposto una mozione affinché il Sindaco e gli assessori impartiscono le necessarie direttive agli uffici per far spostare i cassonetti dei rifiuti dai suddetti luoghi sensibili anche per evitare quei cattivi odori che provocano notevoli danni agli esercenti commerciali oltre che attirano topi e gabbiani con rischi per la salute della collettività, soprattutto studenti, pazienti, personale scolastico e sanitario. Invitiamo la Raggi a preoccuparsi di questi problemi molto seri piuttosto che continuare a fare inutili passerelle”.

Lo dichiara Francesco Figliomeni, consigliere di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea Capitolina.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti