Fiocchi invernali in DO RE MI FA SOL LA SI alla Traccia

L’evento artistico il 18 gennaio 2020, presso il Circolo Culturale
Redazione - 14 Gennaio 2020

Il 18 gennaio 2020, presso il Circolo Culturale “La Traccia” di Via Tor De’ Schiavi n°222, si svolgerà l’evento artistico “Fiocchi invernali in DO RE MI FA SOL LA SI”.

L’iniziativa messa in piedi dal Dott. Mauro Paggi, esperto promotore di eventi artistici e con un passato di attore di prosa, e dallo stesso condotta ed animata si propone una duplice finalità: da una parte punta ad offrire uno spettacolo di pregio ai cittadini e residenti romani e, dall’altra, a realizzare, in considerazione delle particolari presenze artistiche della serata, un momento di riflessione sulla solidarietà sociale e sulla storia del nostro paese.

Tant’è che oltre al noto cantante capitolino Vincenzo Pietrafusa, in arte Cucaio 51, sostenitore con le proprie serate della lotta a talune patologie mediche ed, altresì, presente con la propria voce in occasione di calamità naturali, ed al componente della famosa band “I Romans”, Fabio Massimo Forzato, che ha segnato nel tempo le pagine gloriose della canzone italiana e l’evoluzione del costume nostrano, vi sarà la partecipazione straordinaria di un volto conosciuto nei talk schow della televisione italiana, Scannamago, detentore di primati, prestigiatore e giocoliere ma, al tempo stesso, a capo di associazione, che offre volontari per la ricreazione dei bambini, ricoverati negli ospedali pediatrici.

La cura della grafica è stata affidata a Daniela Pietrafusa, una giovane promessa del settore.

Hanno collaborato , in termini finanziari ed ai fini della riuscita dell’evento, le seguenti attività: Agenzia di viaggi “TRAVEL On Time” di Via dei Narcisi n°21, Il Centro di Assistenza Informatica e Telefoni “Master Bit” di Via delle Giunchiglie n°70, l’assortita rivendita di occhiali “La Fabbrica dell’Ottica” di Via dei Castani n°179 e di Via Casilina n°999, la Sartoria Rapida “ZIP” di Via delle Robinie n°65/D.

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti