Sport  

Genoa-Roma 2-4: una rimonta fantastica

di Marco Maestà - 22 Ottobre 2012

I giallorossi nei primi venti minuti vedono letteralmente le streghe e vanno sotto per ben due volte; sembrerebbe l’approccio sbagliato di Torino, ma alla mezz’ora Totti riesce ad accorciare le distanze e la squadra come d’incanto si trasforma, cominciando a macinare gioco ed occasioni. Alla fine la doppietta di Osvaldo ed il sigillo finale di Lamela, impreziosiscono la grande rimonta romanista. Il Genoa dopo un inizio esaltante si scioglie come neve al sole e si inchina alla netta superiorità avversaria. La partita inizia con un Genoa arrembante che mette alle corde una Roma sconclusionata, nel primo quarto d’ora Kucka e Jankovic colpiscono due volte una difesa avversaria da tragicommedia. I capitolini ripetono l’avvio imbarazzante della trasferta di Torino, ma il capitano giallorosso al 27’pt con un gol ferma l’impeto dilagante dei grifoni, svegliando tutta la sua squadra. Da questo momento i giallorossi salgono in cattedra ed il palcoscenico è tutto per Osvaldo, che con una doppietta micidiale tra la fine del primo tempo e l’inizio del secondo, abbatte la difesa rossoblù e cambia l’inerzia della gara. Nel secondo tempo infatti gli ospiti dominano il campo in lungo ed in largo e complice anche l’inferiorità numerica degli avversari, che perdono per infortunio Borriello quando avevano già terminato le sostituzioni, completano la rimonta col quarto gol di Lamela che all’83’st sigla il definitivo 2-4.
 
Per la prima volta in campionato i giallorossi giocano una gara come vuole Zeman e ad esclusione dei disastrosi venti minuti iniziali, dominano in ogni zona del campo inanellando occasioni su occasioni e realizzando 4 gol da cineteca per schemi e gesti tecnici. I grifoni per venti minuti sembrano il Real Madrid ma poi spariscono dal campo e lasciano spazio ai più quotati avversari. Osvado e Totti sono i migliori in campo perché oltre a siglare i gol della rimonta, danno una prestazione di grinta e carattere, permettendo a tutti i compagni di cambiare l’esito del match che era iniziato sotto i peggiori auspici.
Frey; Granqvist, Canini, Bovo, Moretti; Jorquera (53′ Immobile), Kucka, Seymour (61′ Bertolacci), Antonelli (69′ Melazzi); Borriello, Jankovic Roma: Stekelenburg; Piris, Marquinhos, Castan, Balzaretti; De Rossi, Tachtsidis, Florenzi (76′ Pjanic); Totti, Lamela, Osvaldo (87′ Bradley).

A disposizione: Goicoechea, Svedkauskas, Romagnoli, Taddei, Bradley, Perrotta, Marquinho, Lopez All.: Zeman

Ammoniti: Seymour (G), Canini (G), Granqvist (G), De Rossi (R). Reti: 6′ Kucka, 14′ Jankovic, 26′ Totti, 44′ Osvaldo, 54′ Osvaldo, 82′ Lamela.Note: 19.000 spettatori.

Genoa – Roma, le pagelle di Gianluigi Polcaro


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti