Giovedì 21 febbraio celebrazione della giornata internazionale della Lingua Madre alla scuola Cairoli

La Presidente del Municipio Roma I Alfonsi e l’Assessore Monteverde: "Sarà una giornata ricca di eventi legati al cibo, alle arti e ai giochi per bambini"
Redazione - 18 Febbraio 2019

“Giovedì 21 febbraio alle ore 17,00 presso il Polo multiculturale della scuola Cairoli gestito dalle cooperative Cotrad e Risvolti, celebreremo la Giornata internazionale della Lingua Madre proclamata dalla Conferenza Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO) nel novembre del 1999”.

Questa la dichiarazione della Presidente del Municipio Roma I Centro e dell’Assessore alle politiche sociali Emiliano Monteverde.

“Sarà una giornata ricca di eventi legati al cibo, alle arti e ai giochi per bambini – aggiungono Alfonsi e Monteverde – in cui andremo alla scoperta oltre che della tarantella pugliese anche delle danze del Bangladesh e dell’Ucraina, della cerimonia del caffè nel corno d’Africa, degli idiomi cinesi e egiziani, Partendo dal ricordo della data del 21 febbraio 1952, quando alcuni studenti furono colpiti e uccisi dalla polizia a Dhâkâ in Bangladesh mentre manifestavano per il riconoscimento della lingua bangla come una delle due lingue nazionali dell’allora Pakistan, ci ricorda l’importanza dello sviluppo e della difesa delle tradizioni linguistiche e culturali nel mondo al fine di stimolare la solidarietà, fondata sulla comprensione, la tolleranza e il dialogo. La tutela delle lingue madri è infatti importante anche per perseguire il quarto punto dell’Agenda del 2030 per lo Sviluppo Sostenibile laddove, soprattutto in alcuni paese e nei primi anni di scuola le lingue madri facilitano l’accesso all’istruzione – promuovendo contestualmente l’equità – per gruppi di persone che parlano lingue minori e indigene, in particolare ragazze e donne, elevando la qualità dell’istruzione e i risultati di apprendimento”.

“Il linguaggio – aggiunge Anna Marin, della Cooperativa Risvolti nonché responsabile del progetto – è essenziale per la comunicazione di ogni tipo; è proprio la comunicazione a rendere il cambiamento e lo sviluppo possibili nella società umana. Oggi usare una lingua prima non ostacola i successivi apprendimenti e anzi può aprire una porta, invece che chiuderla, in diversi segmenti della società e in molte parti del mondo”.

“Diceva Nelson Mandela – concludono Alfonsi e Monteverde – che parlare a qualcuno in una lingua che comprende consente di raggiungere il suo cervello, parlargli nella sua lingua madre significa raggiungere il suo cuore. La lingua madre è la lingua del cuore, delle emozioni e degli affetti. Difenderla e valorizzarla significa difende e valorizzare le persone”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti