Grande festa degli artisti di strada

Domenica 7 ottobre in piazza S. Maria in Trastevere
Enzo Luciani - 3 Ottobre 2012
Domenica 4 ottobre gli artisti di strada si esibiranno in un grande show con sfilate,musica e spettacoli di tutti i generi e gusti. Gli spettacoli si svolgeranno a Piazza S.Maria in Trastevere , a Roma, dalle ore 16.00 fino alle 21.00. Il quarto appuntamento organizzato per sostenere l’arte di strada e per continuare la libertà artistica.   Dopo il Teatro Valle Occupato (10 maggio), piazza S.Maria in Trastevere (20 maggio), parco degli Acquedotti (29 giugno) – fanno sapere gli organizzatori – gli artisti di strada "scendono in piazza" per far valere il proprio diritto alla libera espressione, per divertire e far sognare l’intera città di Roma. L’arte di strada non si taglia…l’arte appartiene all’intera cittadinanza e con essa ne costruisce la propria cultura".   LA DELIBERA  Il TAR del Lazio in data 30 agosto 2012, si è pronunciato, in via cautelare, sulla sospensione della delibera di Roma Capitale n. 24 del 12 aprile 2012, che ha disciplinato ex novo l’esercizio dell’arte di strada. Il Tribunale Amministrativo ha riconosciuto quello che noi artisti abbiamo sempre denunciato, ovvero che alcuni aspetti della delibera e “segnatamente quelli relativi all’apparato sanzionatorio, nonché al divieto, toutcourt, delle attività artistiche svolte con strumenti a percussione” sono illegittimi o, per usare, le parole più moderatamente giuridiche del G.A., “appaiono suscettibili di approfondimento”. Nonostante le rilevate problematiche che afferiscono la delibera, i Giudici non ne hanno però sospeso l’efficacia perché dal regolamento impugnato non deriverebbe “un pregiudizio grave, immediato e non reintegrabile” a danno di noi artisti. Invero, tutti noi, subiamo ogni giorno “un pregiudizio grave, immediato e non reintegrabile” a causa delle irragionevoli sanzioni adottate nei nostri confronti dall’Amministrazione Capitolina, senza dimenticare che quelli tra cui che si esibiscono con strumenti a percussioni sono di fatto impossibilitati a svolgere la propria attività artistica. Confidiamo, pertanto, che allorquando il T.A.R. valuterà, nel merito, la legittimità dell’operato dell’Amministrazione, emerga con ancora più forza la irragionevolezza di una normativa che equipara l’arte di strada ad un problema di ordine pubblico.   Info: http://www.facebook.com/stradaliberatutti?sk=wall&notif_t=wall

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti