Grillo e il Parlamento – Il salto della quaglia e il ritorno delle galline – Previdenza di professore – La lista di riserva di Giulio Terzi – Quel Luciano di Stefania

Fatti e misfatti di gennaio 2013 di Mario Relandini
Enzo Luciani - 13 Gennaio 2013

Grillo e il Parlamento

"Se entreremo in Parlamento – parole di Beppe Grillo davanti al Ministero dell’Interno – lo apriremo come una scatola di tonno".

Non lo ha arrestato nessuno perché tutti sanno, ormai, che lui spara soltanto battute. Anche se, da tempo, non fanno più ridere nessuno. Anzi.

Il salto della quaglia e il ritorno delle galline
.
"Raffaele Lombardo, l’ex Governatore della Sicilia costretto alle dimissioni perché sotto processo per concorso esterno in associazione mafiosa – è stato raggiunto l’accordo – sosterrà il Pdl alle elezioni politiche del febbraio prossimo".

Quello che sta preoccupando qualcuno non è tanto il fatto che Raffaele Lombardo – nato democristiano e poi, nell’ordine, fedelissimo dell’Udc, alleato del Pdl, alleato della Lega Nord, fondatore del Movimento per le autonomie, eletto Governatore con i voti del Pdl e dell’Udc per governare alla fine con l’appoggio determinante del Pd – abbia dunque fatto l’ennesimo "salto della quaglia". E’, invece, il fatto che Raffaele Lombardo, dovendo lasciare il suo paese dove si è ritirato dopo le dimissioni insieme con tutti i suoi galli e tutte le sue galline, torni ora a Palermo, per assicurare i voti al Pdl, chiedendo di riportarsi dietro galli e galline con tanto di scorta su un’ "auto blu".

Previdenza di professore

"Sarà un candidato di Mario Monti – si è saputo – anche quel Gianluigi Cimmino il quale è il fondatore e il proprietario della "Yamamay", azienda di grande "trend" nel settore della biancheria intima".

Previdenza e saggezza di professore. Nel caso in cui lui o Casini o Fini o qualcun altro illustre candidato nelle sue liste dovesse rimanere sfortunatamente in braghe, ecco pronta a coprire la vergogna non la solita grossolana foglia di fico, ma l’esclusiva elegante collezione di intimo "trend" "made" Gianluigi Cimmino.

La lista di riserva di Giulio Terzi

"Non sono assolutamente in grado di confermare – ha risposto, a domanda, il Ministro uscente degli Esteri, Giulio Terzi di Sant’Agata – se sarò candidato o meno nel Pdl".

Giulio Terzi di Sant’Agata, però, potrebbe stare tranquillo. Ove finisse per non trovare una poltrona diplomatica nelle liste del Cavaliere Silvio Berlusconi, ci sarebbe sempre pronta la lista "Sacro romano impero" della Signora Mirella Cece. Nella quale anzi – essendo lui, oltre che marchese, conte, barone, proprio e soprattutto cavaliere del Sacro romano impero – avrebbe addirittura l’innegabile diritto di essere, in quella lista, al primo posto.

Quel Luciano di Stefania

"Luciano Moggi, il noto ex direttore generale della "Juventus" coinvolto nello scandalo sportivo cosiddetto "Calciopoli" – è emerso a sorpresa – è stato designato capolista in Piemonte (non si sa ancora se per la Camera o per il Senato) nella lista "Riformisti italiani" di Stefania Craxi".

Va bene che la torinese "Juventus" ha decine e decine di migliaia di tifosi soltanto in Piemonte, ma Stefania Craxi è proprio sicura che siano tutti pronti a votare per quel signore "un po’ così" di appena 75 anni sonati? 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti