Guerra tra bande albanesi a Corcolle

Si contendevano il controllo dell’area nel Municipio VIII
Enzo Luciani - 26 Luglio 2012

Due gang si contendevano il controllo dello spaccio di stupefacenti e lo sfruttamento della prostituzione nell’area di Corcolle, nel Municipio VIII. Questo è quello che è emerso dopo le intercettazioni telefoniche operate dagli agenti della Polizia Locale Roma Capitale. L’indagine, partita nel novembre scorso, è stata coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica Mario Palazzi e condotta dal Reparto Operativo del Gruppo Sicurezza Pubblica ed Emergenziale, diretto dal vicecomandante del Corpo Antonio Di Maggio. Tutto è iniziato quando una delle tante vittime sbattute sul marciapiede ha trovato il coraggio di affidarsi a uno degli equipaggi delle pattuglie della Polizia Locale in servizio antiprostituzione. Dai suoi racconti è venuta alla luce una vita d’inferno, con un clima di sopraffazione e minacce di morte perfino ai suoi figli.

I vigili hanno avuto modo di intercettare i dialoghi tra i membri delle due bande, mentre stavano pianificando agguati e aggressioni alle ragazze schiavizzate dall’organizzazione rivale. Registrate anche le conversazioni degli accordi e delle divergenze tra i due gruppi di malviventi per la spartizione del territorio. 12 le persone fermate, tutte albanesi, di cui 5 tratte in arresto, 4 uomini e una donna, e 2 denunciate a piede libero. Nel corso delle perquisizioni domiciliari sono state rinvenute sostanze stupefacenti, una pistola, una spada katana, diversi coltelli e svariato contante. I malviventi, nel caso di eventuali controlli, utilizzavano veri documenti di identità rilasciati da autorità albanesi e romene ma riportanti falsi dati anagrafici, per depistare le forze di polizia. Le ragazze sfruttate, tutte provenienti dai Balcani, hanno trovato assistenza e supporto psicologico presso i centri antiviolenza del Comune di Roma. Le indagini stanno proseguendo per accertare il grado di coinvolgimento degli altri fermati nell’attività criminale.

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti