I martiri del genocidio armeno nel 106° anniversario

Commemorati nella Basilica di San Bartolomeo all’Isola Tiberina il 25 aprile 2021 alle ore 18.30
Federico Carabetta - 24 Aprile 2021

Il 24 aprile 2021 ricorre il 106° anniversario della memoria del primo Genocidio del XX secolo, immane tragedia di cui nel 1915 fu vittima il popolo armeno.

I Martiri della Chiesa Armena saranno commemorati a Roma, domenica 25 aprile alle ore 18.30, con una celebrazione ecumenica per la pace dal titolo “Preghiera con i Martiri del Genocidio Armeno”, su iniziativa di S. E. l’Arcivescovo Khajag Barsamian Rappresentante della Chiesa Apostolica Armena presso la Santa Sede, e di S. E. Il Cardinale Kurt Koch, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, nella Basilica di San Bartolomeo all’Isola Tiberina.

Parteciperanno alla cerimonia il Cardinale Leonardo Sandri Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, gli Ambasciatori della Repubblica di Armenia presso la Santa Sede S.E. Garen Nazarian e presso la Repubblica Italiana S.E. Tsovinar Hambardzumyan, vescovi e sacerdoti delle Chiese armene, apostolica, esponenti delle Chiese, ortodossa copta, ortodossa romena, anglicana, evangelica luterana e metodista.

I martiri saranno ricordati altresì con una Santa Messa in rito armeno al Pontificio Collegio Armeno, nel Giorno della Memoria armena, sabato 24 aprile alle ore 11.00. La cerimonia sarà presieduta da S. E. Mons. Raphael Minassian Arcivescovo degli armeni cattolici dell’Armenia, Georgia, Russia ed Europa Orientale. Mentre le Ambasciate d’Armenia presso la Santa Sede e la Repubblica Italiana hanno organizzato per giovedì 22 aprile alle ore 18.00, un incontro online in collaborazione con #StandTogether (allstandtogether.com) – una piattaforma digitale, inclusiva ed ecumenica – dal titolo “Prevenzione del genocidio: lotta alla persecuzione religiosa, protezione dei diritti religiosi”.

Organizzatori: Chiesa Apostolica Armena presso la Santa Sede, Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani

Info.:Anush Trounyan – pontificallegate@gmail.com, cell. +393204271768.

Il Genocidio Armeno

Prese avvio all’alba della prima Guerra Mondiale quando l’impero ottomano perse l’85% dei territori e per i Giovani Turchi al potere il conflitto rappresentò un’occasione per riannetterli. Lo stato turco è legato alla Germania da solidi rapporti e interessi economici e nell’ottobre del 1914 l’esercito scende in campo accanto alle truppe tedesche. La minoranza armena – già oggetto di una campagna di eccidi durante il sultanato di Abdul Hamid II – viene accusata di collaborazionismo con le truppe nemiche russe per formare uno Stato indipendente. Tra l’aprile del 1915 e il luglio 1916 migliaia di persone vengono costrette ad attraversare il deserto a piedi e deportate nei campi di prigionia dell’Anatolia centrale, sotto la sorveglianza degli ufficiali degli eserciti turco e tedesco. Chi fosse sopravvissuto alla traversata sarebbe stato fucilato o impiccato una volta arrivato. Si stima che questa sorte toccò a oltre 1 milione e mezzo di persone in poco più di un anno. Lo stesso fondatore della repubblica turca, Mustafa Kemal Atatürk, ha riconosciuto le atrocità di massa nei confronti degli armeni ottomani e le ha definite un «atto vergognoso». Dal canto suo, sin dal dopoguerra la Turchia nega di aver perseguito un progetto di pulizia etnica, ma gran parte degli studiosi ritiene che lo scopo ultimo fosse la creazione in Anatolia di uno stato turco etnicamente omogeneo.

La Basilica di San Bartolomeo

Fu edificata nel 998 sull’Isola Tiberina, nel rione della prima predicazione cristiana, proprio per accogliere le sacre spoglie di San Bartolomeo apostolo. Caratterizza questa basilica la raccolta di memorie legate a mondi diversi e lontani, uniti insieme in un’unica e originale sintesi di fede, arte e storia, come quella del Cardinale Gregorio Pietro XV Aghaganian, Patriarca degli Armeni Cattolici creato cardinale, con il titolo di San Bartolomeo all’Isola, nel concistoro del 18 febbraio 1946 da Papa Pio XII.

Adotta Abitare A

 

IL VIDEO


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti