I Municipio, certificati con gli sponsor

Il I Municipio autofinanzia la banca digitale con le sponsorizzazioni delle attività locali
Enzo Luciani - 9 Settembre 2009

Certificati sponsorizzati in I Municipio. E’ questa la novità adottata dall’amministrazione del centro storico per sopperire alla carenza di risorse economiche in dotazione degli enti locali. Le attività della zona, appartenenti a qualsiasi settore indifferentemente, potranno acquistare spazi a pagamento nei certificati rilasciati dallo stesso municipio.  

"In sostanza – spiega il presidente del I municipio Orlando Corsetti (Pd) – su ogni atto anagrafico, licenza o documento tecnico prodotto dalla nostra amministrazione territoriale potrà esserci il nome o il logo di un’attività commerciale di zona". Una sorta di pubblicità che servirà a finanziare la creazione del software per una banca digitale collegata a quella di altri enti e istituzioni pubbliche, come ad esempio il tribunale, il catasto o l’agenzia delle entrate.

"Nonostante il governo sembri puntare sulla digitalizzazione e sulla necessità di far funzionare al meglio i vari organi della funzione pubblica – precisa Corsetti – alle singole amministrazioni territoriali non vengono poi forniti gli stanziamenti economici necessari ad attuare i progetti di e-government. Nel nostro municipio, dove insistono le attività commerciali di tutto il centro storico di Roma, gli archivi sono ancora prevalentemente cartacei, la maggior parte dei computer non funzionano e gli atti impiegano oltre quindici giorni per essere trasferiti da un ufficio all’altro".

E così, per riuscire a creare la banca digitale (costo sui 400mila euro) il consiglio del I municipio ieri ha approvato un documento per la sponsorizzazione dei documenti amministrativi "come previsto dal regolamento comunale".

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti