I “Postini di Babbo Natale” incontrano gli alunni della scuola Armando Diaz

Sul sito di Poste Italiane un gioco online dedicato e una nuova app per trasformarsi in elfo aiutante di Babbo Natale
di Vittorio Di Guilmi - 20 Dicembre 2013

La lettera a Babbo Natale rappresenta uno dei momenti più belli della tradizione natalizia e Poste Italiane ogni anno intercetta nei propri circuiti di corrispondenza migliaia di missive destinate al vecchio panciuto con la barba bianca.

Tutte le letterine indirizzate a “Babbo Natale”, alla “Befana”, a “Gesù Bambino” e alla molteplicità di destinazioni di fantasia, vengono recuperate dai “Postini di Babbo Natale” i quali provvedono a leggerle e successivamente a recapitare a ogni bambino la risposta personalizzata con un piccolo dono. Le letterine non hanno bisogno di affrancatura e possono essere spedite utilizzando una qualsiasi delle classiche cassette di impostazione. Per ricevere la risposta è sufficiente indicare sulla parte posteriore della letterina l’indirizzo del mittente.

viataranto_1Nell’ambito di questa iniziativa, giunta quest’anno alla sua 15ª edizione, Poste Italiane ha organizzato un piccolo evento invitando giovedì 19 dicemnbre presso l’ufficio postale di Via Taranto gli alunni di alcune classi elementari della Scuola Armando Diaz. Durante l’incontro, al quale in rappresentanza di Poste Italiane è intervenuta Marina Orossi, direttore della Filiale Roma Centro, i bambini hanno visitato l’ufficio postale e letto le loro fantasiose e simpatiche letterine. Gli alunni hanno poi imbucato le missive piene di speranze e desideri in una speciale cassetta postale “natalizia”, presa in carico dal “Postino di Babbo Natale” per la consegna al particolare “destinatario”.

Per il Natale 2013, Poste Italiane ha ioltre previsto una simpatica novità: la busta con la lettera di risposta di Babbo Natale e il piccolo dono, conterrà una cartolina con le istruzioni per partecipare a un gioco. Babbo Natale sta infatti cercando degli assistenti elfi: basterà scaricare la nuova app “Cercasi Elfo” (gratuita, da Google Play o da AppStore), scattare una foto con la cartolina contenuta nella busta posizionata sul petto e, per incanto, ogni bambino verrà trasformato in un vero e proprio elfo con un effetto estremamente realistico. La foto potrà essere salvata e condivisa sui social network per giocare con tutti gli altri assistenti nel frattempo ingaggiati da Santa Claus.

viataranto_3Inoltre, sul minisito dedicato www.poste.it/letterinedibabbonatale, i bambini potranno divertirsi con il gioco dell’ “Apprendista Elfo” ed aiutare Babbo Natale a sistemare nei sacchi tutti i regali da consegnare. Il fascino e il mistero di una tradizione antica si rinnova così ogni anno grazie al crescente entusiasmo dei più piccoli: dalle 40.000 letterine inviate nel 1999, anno della prima edizione dell’iniziativa, alle 140.000 letterine spedite nel 2012.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti