Categorie: Ambiente Politica
Municipi: ,

Idea: un “Comitato di adattamento ai cambiamenti climatici”

Scaturito dopo un confronto con studenti, il suggerimento è stato recepito da Giuliana Salce (FI)

Vorrei realizzare nella Capitale un “COMITATO DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI” è l’idea scaturita dopo un confronto con un gruppo di studenti.

E’ quanto dichiara in una nota GIULIANA SALCE, campionessa del mondo di marcia, detentrice di oltre 12 Titoli Italiani assoluti, Responsabile per il Lazio del Movimento
Ecologista Ecoitaliasolidale e candidata per Forza Italia al Campidoglio e al X Municipio.

“Un Comitato di esperti finalizzato ad indicare le buone pratiche per aumentare la resilienza della città  ai rischi generati dai cambiamenti climatici, con particolare riferimento alle ondate di calore e ai fenomeni di precipitazioni estreme e di siccità”.

“Un coinvolgimento fra Istituzioni e cittadini – prosegue Salce – per ridurre le conseguenze del cambiamento climatico , che comprenda la pianificazione delle manutenzioni degli spazi verdi, la cura degli alberi, delle pinete, ma anche prospettive di una nuova edilizia attenta alle esigenze green, la depurazione delle acquee e la maggiore conservazione del Tevere sia per la navigabilità che per il trasporto fluviale pubblico, boschi verticali, garantire la permeabilità del suolo – dove possibile – con soluzioni per il drenaggio urbano
sostenibile”.

“Un Comitato che possa coinvolgere soprattutto gli esperti del settore, i “Genieri dei cambiamenti climatici”, soggetti che in queste ultime settimane stanno per essere formati presso l’Università La Sapienza di Roma – Dipartimento di Chimica e  che ci ricorda uno dei
padri fondatori dell’ambientalismo italiano, il Prof. Ennio La Malfa, fra gli organizzatori del Corso, è la prima risposta concreta a livello europeo messa in campo”.

“Infine  occorre una maggiore attenzione -conclude la Salce- proprio per Ostia e la costa romana, per la difesa del mare da ogni tipo di inquinamento, soprattutto dalla plastica, ed uno sviluppo della nautica in modo specifico a vela, sport a valenza ambientalista che coniuga il benessere fisico alla presenza dell’uomo in un patrimonio
straordinario come la realtà marina”.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento