Igiene urbana a Roma: cittadini insoddisfatti

Oltre il 40% è insoddisfatto del servizio. La raccolta rifiuti va meglio nei Municipi VII, V e II, è più critica nei Municipi XIX, XX, VI, XV e X
Ag. Asca - 4 Ottobre 2008

E’ quanto emerge dall’indagine realizzata dall’Agenzia per il controllo e la qualita’ dei servizi pubblici locali del Comune di Roma che ha analizzato i livelli di soddisfazione e insoddisfazione manifestati dai cittadini della Capitale, ponendo a confronto i risultati ottenuti a Roma con gli standard di livello nazionale contenuti nel BICSI 2008 ”Igiene ambientale” (Barometro Italiano dei Customer Satisfaction Index di Customer Asset Improvement). La raccolta delle informazioni, realizzata dalla Customer Asset Improvement del gruppo DataBank, è avvenuta telefonicamente (con l’ausilio del sistema CATI) tra aprile e maggio di quest’anno, sulla base di un questionario strutturato sottoposto da un campione casuale di circa 4.000 intervistati, stratificato secondo il Municipio di residenza e le principali caratteristiche della popolazione. Per ciascun Municipio sono state realizzate 211 interviste successivamente pesate per ottenere il campione finale a livello aggregato. In termini complessivi, il risultato di Roma appare decisamente inferiore (-21 punti percentuali) rispetto a quello che si registra mediamente a livello nazionale; l’unico fattore per cui la soddisfazione a Roma supera quella media delle grandi citta’ e’ rappresentato dalla ”numerosita’ e della dislocazione dei cassonetti per i rifiuti indifferenziati”; la soddisfazione e’ invece inferiore in tutti gli altri casi ed e’ particolarmente bassa con riferimento alla ”frequenza delle operazioni di raccolta” sia differenziata che indifferenziata, per la ”pulizia di strade e marciapiedi”.

Significativa la distinzione secondo il Municipio di residenza dell’intervistato, che per quanto riguarda il livello percepito di soddisfazione globale per il servizio, ha evidenziato come il Municipio generalmente piu’ critico sia il XIX, seguito dal XX, dal VI, dal XV e dal X. Tra questi, il VI Municipio e’ piccolo e centrale e dà quindi un’indicazione forte di insoddisfazione, mentre gli altri coprono aree vaste che partono dai quartieri semicentrali e arrivano ben oltre il GRA, nascondendo probabilmente all’ interno del dato medio situazioni piu’ problematiche.

Comunque in nessun Municipio raggiunge il livello medio di soddisfazione delle grandi città italiane, con i valori migliori registrati nel VII, V e II. Dalla lettura dei commenti qualitativi espressi liberamente dagli intervistati si comprende che le cause dell’ insoddisfazione spesso derivano dall’organizzazione aziendale del servizio ma in altri casi l’ indice viene puntato sui cittadini stessi, che ”sporcano le strade”, ”gettano i rifiuti per terra anche quando c’e’ spazio nei cassonetti” e piu’ in generale ”non si curano degli spazi pubblici”. Servirebbe dunque accompagnare al rafforzamento del sistema di raccolta anche un piu’ intenso programma civico di informazione ed educazione, volto a far comprendere i costi del servizio e l’importanza della collaborazione dei cittadini.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti