III Campionato Italiano della FISDIR di tennis e tennis tavolo

Si sono svolte a Roma le competizioni della Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva Relazionale
Enzo Luciani - 1 Luglio 2011

Roma ha ospitato, dal 24 al 26 giugno, la fase finale del III Campionato Italiano FISDIR (Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva Relazionale) di tennis e tennis tavolo.
All’evento organizzato dall’ACPD Blue Star hanno partecipato ben 20 squadre provenienti da tutta Italia. 
Le gare di tennis tavolo si sono svolte presso il Mezzaroma Volley in via Andrea Sacchi (Flaminio); mentre quelle di tennis tavolo all’Hotel e Resort Excel in via degli Scolopi 31 (Trionfale).

Il lavoro è stato coordinato dal Consigliere Federale Fisdir Alberto Carboni che ha commentato: “Roma, come più volte ha dimostrato in questi anni con l’organizzazione di molti eventi sportivi, è sempre presente con immensa soddisfazione e soprattutto si è dimostrata capace di rispondere alle esigenze della Federazione Nazionale e dei suoi campioni, atleti di primissimo livello tecnico che hanno illuminato la capitale con dritti e rovesci pieni di passione sportiva pura.
La città è stata accogliente e attenta alle esigenze degli atleti. Un ringraziamento particolare va rivolto all’Associazione Protezione Civile Guadalupe del XIX Municipio per il supporto logistico fornito, grazie all’intervento del cons. Mauro Gallucci, Presidente della Commissione Politiche Sociali.
Il consigliere romano ha proseguito sottolineando "come questa manifestazione abbia visto realizzato un lavoro di rete proficuo ed efficiente tra associazioni e attori del Terzo Settore. Vorrei – prosegue – in ultimo ringraziare l’AGCI Solidarietà (Associazione Generale Cooperative Italiane), l’AVIS Comunale di Roma, la Comunità Giovanile Nuovi Orizzonti Giovanili e Danilo Jesus Giglio, delegato al Sociale per il Consiglio dei Giovani per l’impegno profuso in questi tre giorni".

I numeri della manifestazione sono in netta crescita e questo "è un punto a favore dei referenti tecnici Veronesi e Palermo, che in questo modo hanno avuto un ventaglio di scelta più ampio anche in vista dei prossimi impegni internazionali che coinvolgeranno gli atleti nazionali”.

Soprattutto il tennis tavolo, che con la FITET si prepara a vivere l’esperienza di Spalato, sarà evento sul quale verranno puntati gli occhi, in vista anche del reinserimento della disciplina nel programma paralimpico di Londra 2012 riservato ad atleti disabili intellettivi e relazionali.

Ancora Carboni afferma che “In vista degli europei ITTF in Croazia, questo di Roma è stato l’ultimo banco di prova importante per i nostri atleti che hanno l’ambizione di arrivare a tagliare traguardi importanti”. Ancora una volta, dopo i campionati di pallacanestro a Roseto e pallavolo a Roma, un importante contributo viene da società private che garantiscono continuità al movimento e la possibilità di svolgimento di queste manifestazioni: “Fare nomi non è nel mio stile, ma se devo ringraziare qualcuno, oltre alla Federazione, devo rintracciarlo in Gianluca Di Francesco, un imprenditore nel settore delle rinnovabili che sta davvero seguendo i passi del nostro movimento con molta attenzione".


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti