Il consigliere regionale Pd Enzo Foschi rinuncia al vitalizio

E afferma: "Sarebbe bello se i miei colleghi facessero altrettanto"
Enzo Luciani - 28 Settembre 2012

 "Rinuncio al vitalizio maturato in questa legislatura. Non perché io abbia rubato o compiuto illegalità, non ho visto un euro di quei 100 mila di cui parla Fiorito, ma perché come esponente del consiglio regionale per il Pd mi sento moralmente responsabile di quanto accaduto. Ma, e questo deve essere chiaro, non tutti fanno politica per fare soldi, perlomeno io non sono fra questi". La dichiarazione è stata rilasciata nella newsletter dal consigliere regionale Pd Enzo Foschi.

"La politica -prosegue Foschi – è passione e servizio. Il mio gesto vuole essere semplicemente un risarcimento a un’istituzione ferita nella sua sacralità, nei confronti dei cittadini giustamente offesi da quanto accaduto e anche per rispetto verso gli uomini e le donne che volontariamente nel quotidiano si impegnano nei circoli del Pd. Per queste ragioni ho già presentato la mia lettera formale al presidente del Consiglio del Lazio. Sarebbe bello se anche i miei colleghi della Pisana facessero altrettanto. Voi che con questa newsletter avete condiviso con me le mie scelte e le mie battaglie in consiglio regionale, sapete che questo gesto, non è una semplice boutade".


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti